Novoli, successo e soddisfazione per la prima giornata del Microchip Day

0
343

copertina caninaNovoli (Le) – Come previsto, appuntamento molto partecipato quello di oggi, dalle 9.30 in poi, nell’atrio della Casa Municipale di Novoli, dove si è svolto il primo Microchip Day, iniziativa a cura dell’Amministrazione Comunale Novolese in persona del delegato al randagismo, il consigliere Giovanni De Luca, in collaborazione con la ASL Lecce – Area Nord ed il comando di Polizia Municipale diretto dal Ten. Dr. Raffaele Paladini.

Circa sessanta i proprietari che si sono presentati con i loro amici a quattro zampe per richiedere di usufruire del servizio di microchippatura, curato dal Dott. Raffaele GalatiSiamo nei ‘grandi numeri’.

Incontriamo il consigliere Giovanni De Luca, e gli chiediamo se è soddisfatto della riuscita dell’iniziativa: “Ottima riuscita – ci risponde il Consigliere – che ha un duplice aspetto da analizzare: uno positivo che riguarda la diffusione e l’accoglienza della proposta da parte della cittadinanza. Sessanta presenze sono obiettivamente numeri considerevoli. Il dato da analizzare, in modo forse tra virgolette, negativamente, è che un’affluenza così massiccia denota una richiesta di maggiore attenzione da parte delle Istituzioni, e anche di sensibilizzazione, cioè credo sia necessario essere impegnati a fare sempre di più e sempre meglio. La microchippatura è un diritto dell’animale e un dovere per chi lo adotta, un vero segno d’amore per l’animale, perché al di là delle cure che una famiglia può dare al proprio cane, c’è sempre da considerare l’aspetto peggiore di cui spesso non si tiene conto, ed è lo smarrimento. Un cane non si può difendersi né può comunicare il proprio indirizzo, e spesso trascorre il resto della propria esistenza in un canile, mentre la famiglia ignara lo cerca e lo aspetta per una vita”.

                                          {gallery}Gallerie/microchipnovoli{/gallery}

Senza contare che l’applicazione del microchip identificativo e la relativa iscrizione all’anagrafe canina sono obbligatorie per legge dal 01 gennaio 2005.

Chiediamo al Consigliere quale senso si vuole dare a questa giornata in una visione a più ampio raggio, e che non resti un’iniziativa isolata e fine a se stessa. Ci risponde che: “Già giovedì 23 ottobre p.v. ci sarà una conferenza stampa per fare un punto della situazione su questa iniziativa e sui progetti futuri. La prossima settimana ci incontreremo come Unione dei Comuni del nord Salento, forse il primo progetto di questo tipo nel Sud Italia, e approveremo un documento di gestione associata del randagismo che deciderà le politiche su un territorio vastissimo (circa sessantacinquemila abitanti), che potrà agire in modo più  coordinato e incisivo, mettendo insieme professionalità e competenze dello Stato, della ASL e dei Comuni. Tra l’altro ho chiesto un appuntamento a S.E. il Prefetto di Lecce, la dot.ssa Giuliana Perrotta, per parteciparle idee e iniziative che potrebbero portare aiuti sostanziali nella cura, rispetto, tutela e diritti animali”.

Il Consigliere è soddisfatto e molto motivato. Numerosi sono i principi etici a cui fa riferimento e i progetti che il nostro giornale seguirà in modo puntuale e partecipato, come sempre, rispetto a tematiche sociali importanti.

A questo proposito aggiungiamo che, a breve, PaiseMiu donerà un lettore microchip al Comando di Polizia Municipale, nelle mani dello stesso comandante, il tenente Paladini, peraltro responsabile delegato al coordinamento randagismo dell’Unione dei Comuni Nord Salento.

Dunque, per quel che riguarda lo specifico dell’iniziativa, a questa seguiranno controlli a campione in un percorso che per la nostra comunità sarà un passo importante verso il raggiungimento del vivere civile e verso il vero senso della cura animale.

{loadposition addthis}

Redattrice Paisemiu.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleMoscardelli-goal ma con la Juve Stabia è 1-1
Next articleL’analisi: Lecce positivo a Castellammare