“Nel cuore dell’adozione” a Lequile un corso di formazione e informazione per aspiranti genitori adottivi

0
132

adozione 2016 lequileLequile (Le) – Primo appuntamento, sabato 5 marzo, dalle ore 16 alle ore 19, presso il Palazzo Andrioli di Lequile (P.zza San Vito) con “Nel cuore dell’adozione”, corso di formazione e informazione per aspiranti genitori adottivi, organizzato anche quest’anno dalla Sezione di Lecce dell’ANFAA (Associazione Nazionale Famiglie Adottive e Affidatarie) attiva in Italia dal 1962 e a Lecce dal 2004. Tema dell’incontro sarà “Il linguaggio della mente: la parola e la scuola“. Ne parleranno Silvana Melli (Commissario Straordinario ASL Lecce), Susanna Gennachi(Federazione Logopedisti Italiani – Puglia) e Roberta Noemi Menavento (Referente Gruppo Scuola Anfaa Lecce).

Il corso proseguirà sabato 12 marzo (stesso orario) con il tema “Il linguaggio delle radici e della storia personale” per finire sabato 19 marzo con una tavola rotonda su “Il linguaggio del cuore e delle emozioni” con Rosy Paparella (Garante Minori Regione Puglia), Luigi Russo (Psicologo) e Grazia Manni (Presidente Anfaa Lecce).

“L’Anfaa si occupa da sempre della promozione e della difesa del diritto dei bambini ad avere una famiglia – ha dichiarato la Presidente della Sezione leccese, Grazia Mannie allo stesso tempo di guidare le famiglie che intendono intraprendere il cammino dell’adozione e dell’affido sia nel conseguire maggiore consapevolezza sia nel districarsi nel fitto bosco di norme, ma anche e soprattutto nell’affrontare i temi psicologici e pedagogici legati ai minori. Da queste considerazione nasce il progetto del corso di formazione”.


Gli interessati possono richiedere informazioni e iscriversi contattando la sezione di Lecce di Anfaa all’indirizzo lecce@anfaa.it.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleNovoli, Romino Valzano (PD): “La città in tilt con il nuovo piano traffico”
Next articleTrepuzzi, sfratto esecutivo per due fratelli disabili. L’Ass. Caretto: “Ad oggi non ci sono beni comunali da adibire a case parcheggio”