La crisi amministrativa a Surbo sotto la lente d’ingrandimento de “L’Impertinente” su Radio One

0
183

“La politica è cangiante”, dichiara l’assessore surbino Vittorio Solero intervenuto sul disputato  tema delle dimissioni di Ronny Trio, sindaco dimissionario di Surbo, prorompendo con la violenza di un fenomeno naturale. Si condensa in questa sommaria frase la seconda puntata della nuova stagione del “L’Impertinente”, la rubrica di approfondimento quindicinale in onda su Radio One Nonsolosuoni 105.7 ed in diretta streaming su Facebook, ideata e condotta dal Direttore di “Paisemiu” Antonio Soleti.

Insieme al già assessore con delega all’Urbanistica ed al Patrimonio, Solero, presente anche la Consigliera Giovanna Maletesta, eletta nelle liste di maggioranza ma poi dichiaratasi Indipendente e già presidente del Consiglio nell’Unione dei Comuni del Nord Salento.

Il tema delle già citate dimissioni del primo cittadino di Surbo e rese note al Consiglio Comunale lo scorso 27 ottobre scorso, al centro del confronto e della conversazione andata in onda dalle 20.15 e durata circa un’ora senza interruzioni. Si attendono ora i 20 giorni di rito perché siano effettive o ritirate. Il malcontento, frattanto, imperversa tra maggioranza e opposizione mentre si fa a gara a chi la spara più grossa. Si citano sia il testo delle dimissioni di Trio sia pure i contenuti del video pubblicato dall’ormai ex vice sindaco Martina Gentile rimasta in aula al momento dell’abbandono da parte del sindaco e della sua maggioranza (7 amministratori comunali).

Gestire il dibattito non è cosa facile, data la rilevanza socio-politica dei due a latere, ma per un navigato comunicatore come Soleti, seguire il corso della sfida che si lanciano i due diventa per ogni affermazione dei politici una interessante diatriba da ascoltare con attenzione fino al termine della trasmissione. La rinuncia alle deleghe della Maletesta è stata spontanea o indotta? La stessa asserisce che “la voglia di squadra non si è vista per ciò che mi riguarda”. Il conduttore le domanda se si attendeva una ripartizione dei ruoli secondo il manuale Cencelli; a ciò fa eco la consigliera che, a suo dire, proprio la mancata applicazione di questo criterio avrebbe poi determinato il malcontento che l’ha indotta a prendere le distanze perché trattavasi di “un piccolo fallimento della democrazia”.

Ma Solero non è disposto ad ingurgitare ciò che appare scontato alla collega ospite, la quale non si lascia scappare un attributo di valore, rivolgendosi a “Ronny”, etichettandolo autoritario. Nel contempo Solero sottolinea la sottigliezza “autorevole” si. E non tarda ad arrivare in trasmissione la galanteria di Trio che chiede di recare i suoi saluti anche all’avversaria politica. Insomma si gioca molto con i termini se vogliamo anche psicologici come “lo sconfinamento” da operare anche mille volte se necessario per il bene della città, avrebbe rincarato Martina Gentile sempre nel già citato video. Da una parte l’accusa e dall’altra il reclamo alla giustezza e al dettaglio dei fatti che giungano alla popolazione.

Tanto detto che il conduttore offre la possibilità di un ritorno sull’argomento in una ulteriore puntata, intanto invitando tutti, ascoltatori e ospiti in studio, a elaborare spunti, riflessioni e come sostiene Martina Gentile “ambire alla responsabilità”. Questo è quanto si potrà fruire nell’ambito del presente appuntamento radiofonico che già nel cominciamento si preannuncia piuttosto insolito e alquanto stimolante.

Per chi volesse rivedere l’intera puntata può visitare questa pagina

Psicologa, Psicoterapeuta e Giornalista Pubblicista

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleVan Gogh a Roma attraverso un’importante mostra
Next articleUomini e donne, errata corrige