DONA UN SORRISO: Natale di solidarietà per gli scout novolesi

0
395

Dona un sorrisoUn piccolo gesto di generosità e migliaia di sorrisi da donare a chi non può vivere la gioia del Natale. È questo l’obiettivo dei giovani scout del CNGEI Sezione “Stefano Costa” di Novoli che, dopo il successo delle scorse edizioni, ripropongono il progetto “Dona un giocattolo, dona un sorriso”, una campagna per la raccolta di giocattoli promossa dagli scout novolesi a favore di bambini meno fortunati ospiti di alcune strutture salentine.

Fino al 19 dicembre, infatti, presso il punto di raccolta allestito nella sede scout di Via San Paolo, 12 a Novoli, sarà possibile donare giocattoli, nuovi o anche usati ma in buono stato, che saranno consegnati dai giovani scout rigorosamente vestiti da Babbo Natale, ai piccoli inquilini delle case famiglia del Salento, proprio nei giorni clou della festa natalizia.

“Natale si avvicina, – hanno dichiarato i giovani scout organizzatori della raccolta – è tempo di regali più o meno utili e tutti desideriamo avere un pacchetto da scartare. Aspettiamo, quindi, con trepidazione, l’arrivo del fatidico giorno anche per vedere sorridere i nostri figli mentre sono indaffarati con i loro luccicanti pacchetti..,ma non tutti sono così fortunati da sorridere spacchettando un regalo, non tutti hanno un dono. Noi – concludono – desideriamo solo regalare un sorriso anche a coloro che non possono… in fondo ci vuole molto poco!”.

L’iniziativa lo scorso anno permise di raccogliere peluche, puzzle, giochi in scatola, automobiline, ma anche giochi per i più piccoli, palloni e bambole, che furono donati ai bambini della casa famiglia delle Discepole del Sacro Cuore di Lecce. Obiettivo, questo, che rimane tale anche per l’edizione 2013.

Un piccolo gesto per scaldare il cuore, quello di un bambino e il vostro.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleTu lo conosci il ReRaise Clan? J-Sklera sì!
Next articleAl “Matusa” per scalare un Gran Premio della Montagna: focus sul Frosinone