Diodato nella vigilia salentina di Pasqua

0
246

DiodatoPer gli amanti della musica pop contemporanea si prospetta una serata davvero imperdibile: il cantante Diodato si esibirà a Lecce.

Il cantautore tarantino Antonio Diodato torna in Salento con alcune tappe del suo tour “E forse sono pazzo”: dopo quella di ieri tenutasi a Bari, infatti, stasera sarà alla Masseria Ospitale di Lecce; il 1° maggio sarà, poi, a Taranto.

La corsa del nostro artista conterraneo continua sull’onda dell’album che contiene il brano “Babilonia” con cui ha lasciato il segno allo scorso “Festival di Sanremo” nella categoria “Nuove Proposte”.

Riguardo al suo rapporto con la Puglia il giovane artista ha recentemente dichiarato: Io sono pugliese dentro. Sono nato al Nord, certo, ma la mia vita è al Sud, perché io sono pugliese nel sangue. E poi sento di conoscere bene questa regione, a cominciare dalle difficoltà, dato che sono cresciuto in una città ‘complessa’ come Taranto. A me, però, piace poter parlare delle cose belle della mia regione e, in sostanza, voglio essere un testimonialdella bellezza della Puglia”.  

Nella serata di oggi Diodato eseguirà anche gli altri due singoli che ha estratto dal suo lavoro discografico, ovvero “Ubriaco” e “Amore che vieni amore che vai”. Proprio quest’ultimo brano, una coraggiosa rivisitazione del brano di Fabrizio De Andrè, è stato scelto lo scorso settembre da Daniele Lucchetti per la colonna sonora del suo ultimo film “Anni felici”, con Kim Rossi Stuart e Micaela Ramazzotti, presentato in anteprima al “Festival del Cinema di Toronto”. Il brano d’esordio, “Babilonia”, è stato trasmesso da più di 100 radio, tra locali e nazionali, e sembra, dunque, che la carriera del cantante salentino sia già spianata e diretta verso innumerevoli successi. È proprio il caso di andare ad ascoltarlo questa sera a Lecce!

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleCarmiano, al via un Corso di Assistente all’Infanzia
Next articleSe Cristo non è risorto, vuota è anche la nostra fede