Click e Barrique: workshop di fotografia nella Cantina Coppola, a Gallipoli

0
255

Clik e barriqueGallipoli (Le) – Intuito artistico e tecnica, così arriva l’obiettivo per un fotografo. Ogni scatto rappresenta la rivoluzione e la comunicazione di un messaggio. Svelarlo in una foto significa puntare gli occhi sulla forza creativa per dare espressione alle sfaccettature della realtà.

L’Associazione culturale LAMPUS, appena costituita nel Capo di Leuca dal presidente Paolo Insalata, ha organizzato un corso base di fotografia dal titolo “Click e Barrique” tenutosi a Gallipoli nella Cantina Coppola. Tre giorni di studio, dal 30 settembre al 2 ottobre, per dare corpo a un’idea che ha saputo coniugare tradizione imprenditoriale, legata anche alla modernità, e fermento innovativo verso un territorio che “LAMPUS” intende valorizzare con una serie di attività socio-culturali ramificate su più settori. Sul filo del “Sociale – Reale” LAMPUS favorisce l’incontro tra coloro che, interessati alla cultura, escono fuori dagli schemi digitali social per raggiungere una reale interazione di interessi comuni. Il workshop si è svolto nel luogo simbolo della Cantina Coppola, la Bottaia.

Gli allievi hanno seguito le lezioni di Michele Piccinno, fotografo che vanta lusinghiere partecipazioni a concorsi nazionali ed internazionali arrivando ad avere visibilità nella rivista FIAF “Il Fotoamatore”, rivista ufficiale della Federazione Italiana Associazioni Fotografiche. Tra parte teorica e pratica con uno shooting in esterna per la città di Gallipoli, i corsisti hanno sperimentato tecniche di base per scegliere le giuste inquadrature e affinare la capacità di scatto attraverso la conoscenza della propria fotocamera e della luce da usare.

Ogni giornata di studio si è conclusa con una degustazione di vini della “riserva” Coppola, azienda che ha saputo riconoscere il ruolo della tradizione vitivinicola coniugandolo anche ai richiami della cultura per fissarne uno stile di vita imprenditoriale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articlePrimi
Next articleTrepuzzi, Oronza Renna: “I motivi del mio NO al Referendum Costituzionale”