“Pronti a marciare su Roma”

0
34

Il Comitato Voce dell’Ulivo: “Andiamo da Papa Francesco perché diventi portavoce del dramma degli ulivi pugliesi”

ulivi-5

Lecce – Parte l’organizzazione del comitato “Voce dell’Ulivo” inerente la “Marcia su Roma” prevista a fine aprile, in piena campagna elettorale. Obbiettivo della manifestazione è l’incontro presso il Vaticano con Sua Santità, Papa Francesco, al fine di chiedergli di farsi portavoce del grido di dolore del popolo salentino ed in particolare dei suoi produttori agricoli, per la moria dei secolari alberi di ulivo.

“Tale fenomeno sta causando – dicono i promotori del comitato – ripercussioni inimmaginabili dal punto di vista ambientale, sociale ed economico. Manifesteremo – ribadiscono – sotto la sede del ministero delle politiche agricole, chiedendo al ministro Maurizio Martina un incontro con una delegazione del comitato, per metterlo direttamente al corrente delle preoccupazioni che il nostro territorio sta vivendo. Nei prossimi giorni verrà dato dettaglio sulle modalità e tempi di svolgimento della manifestazione. L’impegno – dice il comitato – sarà portare le 3000 persone, presenti alla “Marcia su Lecce”, a Roma. L’accelerazione repentina sull’organizzazione della manifestazione – fanno sapere – nasce dopo l’ennesima riunione, quella di ieri in Prefettura, dalla quale è emersa la forte necessità di continuare la sensibilizzazione delle istituzioni verso questo dramma. Infatti, in quella sede, si è assistito alla sconcertante mancata presenza del 70% dei Sindaci della provincia di Lecce. Di quelli presenti, salvo qualche eccezione, si è percepita la loro totale lontananza, dalla reale conoscenza e consapevolezza del problema che stiamo vivendo”.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleNovoli, al campo sportivo con birre e vino. I carabinieri intervengono e sequestrano tutto
Next articleParte il Micro Credito 5 Stelle, un aiuto concreto da parte dei parlamentari grillini