Mancosu graffia e Perucchini salva, il Lecce espugna Matera

0
79
FOTO: Stefano DI BELLA

Matera– Il Lecce ritorna subito alla vittoria e sbanca il “XXI Settembre” di Matera battendo a domicilio un’altra candidata alla corsa promozione. Lo 0-1 finale premia una formazione battagliera ma fortemente consapevole dei propri mezzi. Mister Liverani, alla quinta vittoria in sei esibizioni, dovrà però ringraziare il suo numero 1 Filippo Perucchini, autore di due parate da urlo. Non è stato da meno oggi Marco Mancosu, match-winner con un tiro pauroso che ha rotto gli equilibri della contesa.

Liverani, orfano di Drudi e Cosenza, ha schierato Riccardi. Il ragazzo scuola Verona si è ben disimpegnato al centro della difesa insieme a Marino. L’inizio della partita è un batti e ribatti tra i tenori delle due squadre. Strambelli ha guidato i suoi con interessanti iniziative chiuse a fatica dalla difesa e un tiro da lontano di Lepore ha timbrato il cartellino.

Il primo prodigio di Perucchini è arrivato al 13’: paratissima sul tiro di Casoli, pescato dal corner del solito Strambelli. Pacilli innesca un duello personale con Golubovic, portiere del Matera, ma lo sloveno ne esce vincitore sia sul tiro da fuori, sia sull’azione di forza conclusa con il tuffo a negare la gioia all’ex Trapani.

Il Matera conclude in crescendo. Strambelli sfiora il palo al 39’ e la pressione dei padroni di casa si fa sentire, anche se il Lecce recrimina al 43’ per un fallo in area su Armellino.

Nella ripresa il Lecce cambia andazzo e accelera, presentandosi per due volte dalle parti di Golubovic con Caturano  (fuori) e Arrigoni (parata) ma l’uomo più decisivo è ancora Filippo Perucchini. Il portiere bergamasco compie il secondo miracolo di giornata quando tocca sopra la traversa il colpo di testa di Sernicola, pescato in area dal tarantolato Strambelli.

La svolta arriva al 62’. Il Lecce si distende sulla sinistra con Torromino, che scende in verticale e scarica a Mancosu, perentorio nel controllo e bordata all’incrocio dove Golubovic può solo distendersi in tuffo. La stoccata degli uomini di Liverani cambia il match. Il Matera accusa il colpo e, pur continuando a produrre gioco, non si presenta pericoloso in area leccese con la stessa regolarità.

C’è spazio soltanto per l’ultimo acuto di Perucchini, attentissimo sul cross teso di Angelo nei minuti di recupero e perentorio quando devia la sfera quel tanto che basta per toglierla dai radar di Casoli.

Il tabellino

Matera-Lecce 0-1

Matera (3-4-3): Golubovic; Buschiazzo (70’Battista), De Franco, Mattera; Angelo, De Falco, Urso (87’Maimone), Sernicola (76’Macciucca); Strambelli, Giovinco, Casoli. A disp: Mittica, Tonti, Stendardo, Salandria, Maimone. Allenatore: Auteri

Lecce (4-3-1-2): Perucchini; Lepore, Riccardi, Marino, Di Matteo; Armellino, Arrigoni, Mancosu; Pacilli (63’ Costa Ferreira); Caturano (63’ Di Piazza), Torromino (76’Ciancio). A disp: Chironi, Vicino, Valeri, Megelaitis, Lezzi, Tsonev, Dubickas, Gambardella. Allenatore: Liverani

Marcatori 62’ Mancosu

Arbitro: Simone Sozza di Seregno (Parrella di Battipaglia-Mansi di Nocera Inferiore).

Note: Serata fresca, temperatura 12°, terreno di gioco in buone condizioni.

Ammoniti: Riccardi (L), De Franco(M), Urso (L), De Falco (M), Sernicola (M) . Espulsi:. Recupero: 1’pt, 5’st.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleMatera-Lecce, le insidie di un altro big-match. Liverani: “Chi giocherà farà il suo”
Next articleAnna Francesca Cascione presenta “L’armata delle cipree “ questa sera alla Fondazione Palmieri a Lecce