Scarcella: “Ritornando a Novoli ho coronato un sogno”.

0
990

Salvatore ScarcellaNovoli – Salvatore Scarcella, classe 83’ è ritornato a Novoli, nella squadra di Mister Schipa, fortemente cercato e voluto dalla società ‘rossoblè’, dopo aver calcato i campi del professionismo. Lo abbiamo incontrato:

Parti da Novoli e ritorni a Novoli, dopo aver calcato campi importanti e ‘assaggiato’ il professionismo con il Brindisi in serie C2, cosa significa questo ritorno per  Scarcella?

“Novoli è stato il mio primo amore, lo dico emozionato ricordando quel campionato, il primo che ho vinto, segnai 30 gol. Ritornare e lo posso affermare con sincerità è stato sempre il mio sogno. Quando la società ha chiamato, non ho esitato un attimo e ho detto ‘Sì’”.



La scintilla che ha fatto scattare la molla del ‘Sì’, a parte i bei ricordi, qual è stata?

“Mi ha convinto il progetto. Questa società ha le idee chiare ed è lungimirante. Poi l’ambiente e i tifosi sono fantastici. Sono orgoglioso di essere stato scelto. E nonostante avessi altre offerte da categorie superiori, ho scelto Novoli, seguendo il cuore. Io sono così, vivo di cuore e qui a Novoli ne avevo lasciato un bel pezzo quando andai via”.

I tuoi sono sempre gol pesanti e a questo punto possiamo ben dire che parte del merito di questo primo posto è tuo… cosa vogliamo promettere ai tifosi? La doppia cifra?

“Ho giocato poco, spero di scendere in campo con continuità. I miei gol è vero che sono stati importanti ma il merito è dei miei compagni che mi hanno messo nella condizione di battere a rete. Spero di arrivare in doppia cifra, ma ai tifosi prometto che suderemo la nostre magli, che poi è la loro maglia, fino all’ultimo secondo di ogni singolo incontro”.

Questo Novoli dove può arrivare?

“Non possiamo negare di essere una buona squadra costruita intorno ad elementi importanti: Potì, Epifani ed Indirli per fare qualche nome, senza dimenticarci degli ottimi Under, però noi dobbiamo pensare prima a raggiungere la salvezza e poi vedremo. Per ora la classifica è molto corta, e anche se siamo lassù, basterebbe qualche passo falso per ritrovarci all’inferno. A gennaio guarderemo la classifica, se saremo ancora lì, spingeremo sull’acceleratore e tenteremo di agguantare il massimo traguardo. Per ora piedi per terra e umiltà. Dobbiamo fare ciò che dice il Mister che ci invita a tenere alta sempre la concentrazione e dare il massimo partita dopo partita”.

Ringraziando Salvatore Scarcella per la disponibilità non possiamo fare a meno di concludere scrivendo che con una società così, con una squadra costruita con metodo, scrupolosità e competenza, e con un killer in area di rigore come il buon ‘Sasà’… Sognare si può.

{loadposition addthis}

 

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleUn po’ di sale nella zucca
Next articleEsperia Viareggio tra giovani, totem e nuove guide