Domenica 8 agosto, Sogliano Cavour ospita il Festival itinerante “La notte della Taranta” 2021

0
93

Sogliano Cavour (Le) – Il festival itinerante “La Notte della Taranta”  l’8 agosto fa tappa a Sogliano Cavour, in Piazza Falcone e Borsellino.

Ad aprire la serata alle 21:00 i Briganti di Terra d’Otranto, musicalmente nati nell’estate 2001 a Martignano, piccolo paese della Grecìa Salentina. La loro musica nasce nel solco della tradizione salentina della quale reinterpretano i brani musicali affiancandoli a composizioni originali.

Sul palco si esibiranno Giovanni Sperti (voce e chitarre), Antonella Esposito (voce e nacchere), Christian Palma (violino, mandolino e voce), Stefano Blanco (flauto e ottavino), Andrea Cappello (tamburelli e voce) e Cristian Palano (organetto e tamburello.

A seguire, alle 22 in scena Officina Zoè. La danza e la trance sono al centro del progetto artistico della Officina Zoè. band salentina nata nella primavera del 1993 che si caratterizza per i ritmi ciclici del tamburello e un minimalismo nella musica e nel canto. Vantano numerose collaborazioni in campi diversi artistici, dalla musica, al cinema passando per il teatro. Hanno realizzato la colonna sonora del documentario sui trent’anni dalla dittatura cilena, girato da Marta Vignola, intitolato “Le bende del giaguaro” (2003), hanno collaborato con il regista Edoardo Winspeare, con Pamela Villoresi, Pippo Mezzapesa e Baba Sissoko. La formazione attuale degli Officina Zoè è composta da: Lamberto Probo (tamburello, tamborra, cupa cupa, lavaturu, violino a sonagli), Cinzia Marzo (voce, flauto, tamburello, castagnette), Donatello Pisanello (organetto diatonico, chitarra, mandola, armonica a bocca), Giorgio Doveri (violino, mandola), Luigi Panico (chitarra, mandola, armonica a bocca) e Silvia Gallone (tamburello, tamborra, voce).

Saranno predisposte tutte le misure indispensabili per garantire la sicurezza del pubblico, degli artisti, degli operatori. L’accesso del pubblico alle serate del Festival itinerante avverrà nel rispetto assoluto delle norme antiCovid. Potranno accedere solo coloro che saranno muniti di Green PASS o di certificazione di tampone negativo, effettuato massimo nelle 48 ore precedenti. In tutte le piazze saranno allestiti i posti a sedere, distanziati di almeno un metro, a quali si potrà accedere sino al loro esaurimento. La Certificazione verde Covid-19 non è richiesta ai bambini esclusi per età dalla campagna vaccinale e ai soggetti esenti sulla base di idonea certificazione medica.

La Fondazione ha dato incarico alla società Human Goals di espletare questo servizio e quindi, ad ogni punto di accesso agli eventi del festival si troveranno degli addetti di HG che provvederanno alla misurazione della temperatura alla verifica del green pass. Nei pressi del varco di accesso verrà allestita una postazione per la somministrazione dei tamponi rapidi finalizzati solo a persone che non sono munite di green pass e vogliono entrare nell’area. Il servizio è a pagamento ed ha il costo di 20 euro.

Apposita segnaletica individuerà la postazione tamponi e i punti di controllo Green Pass.