#Regionali2015. PD: conclusa la Sagra del Programma a Lecce

0
355

Emiliano: “La partecipazione è la strada per non fare errori sulle scelte da compiere in futuro”

Michele Emiliano Sagra del Programma Lecce 2Lecce“Quella di Lecce è stata la più partecipata tra le Sagre realizzate sino ad ora, oltre quattrocento persone sono rimaste tutto il giorno a lavorare sul programma e tra loro, ai tavoli, anche il più giovane partecipante, Alberto, di soli quindici anni. Ed è anche quella che ha prodotto il report più robusto, in termini di pagine, che è possibile già consultare on-line. Tutti hanno discusso alla pari e prodotto contenuti rilevanti. Quando si decide tutti insieme, la possibilità di commettere errori scende in maniera molto forte”: sono le parole di Michele Emiliano nel suo intervento conclusivo alla Sagra del Programma di Lecce, all’interno del Cinema Santa Lucia.

Emiliano passa in rassegna le tante proposte raccolte nella giornata e anche alcune chiare indicazioni ricevute sulle grandi questioni salentine: “No all’approdo Tap a San Foca” è uno degli indirizzi praticamente unanimi emersi dalla platea dei partecipanti, composta a mosaico, da cittadini, sindaci, amministratori, associazioni del territorio. “Anche le istituzioni dovrebbero applicare, specie sulle grandi questioni, il modello che stiamo adottando con la Sagra del Programma – ha detto Emiliano – Noi stiamo procedendo con i mezzi limitati a nostra disposizione, ma immaginate che risultati potrebbe dare un processo di partecipazione fatto da un’istituzione come la regione Puglia, dove tutti possano sentirsi coinvolti e grazie al quale si realizza la connessione tra ciò che si decide e ciò che poi effettivamente si fa”.

Grande attenzione è stata dedicata dai gruppi di lavoro alla questione Xylella: “Un dramma – come lo ha definito Emiliano – di cui siamo consapevoli. Ma oggi non sono emerse solo paure, sono venute fuori idee formidabili. Il tavolo Ambiente propone di trasformare la Puglia, grazie alla ricerca, in un grande distretto contro le fitopatologie. Questo è un atteggiamento razionale tipico delle swot analysys, per trasformare una minaccia in un’opportunità, una debolezza in un punto di forza, un approccio che può rivelarsi fondamentale non solo per combattere la Xylella ma anche per affrontare le altre gravi questioni che affliggono la regione”.

Michele Emiliano Sagra del Programma Lecce 6“Come ho già detto sin dall’inizio di questa campagna elettorale – ha proseguito il candidato del centrosinistra – una delle province sulle quali ci concentreremo di più è Taranto, dove dovremo investire sul modello di sviluppo futuro, ripartendo dalle economie, tradizioni, origini, insomma dalle specificità del territorio in base ad un principio che dovrà essere sempre applicato, quello della solidarietà. Dobbiamo essere in grado di attuare la Costituzione della Repubblica in Puglia pienamente, perché quella Costituzione è l’unico vero grande programma politico che abbiamo di fronte, e sta a noi applicarla a partire dall’articolo 3, rimuovendo tutti gli ostacoli che non rendono effettivo il principio di uguaglianza”.

I prossimi appuntamenti della Sagra del Programma sono il 18 aprile a Taranto e il 9 maggio a Barletta. Si ricorda che per partecipare ai tavoli tematici è necessario iscriversi online su www.micheleemiliano.it.

La Sagra prosegue in modo permanente online: tutti i pugliesi che vorranno contribuire alla scrittura del programma, lo potranno fare collegandosi al sito www.micheleemiliano.it e nella sezione “La sagra virtuale” caricare un documento con idee, proposte e suggerimenti indirizzate direttamente al candidato presidente della Regione per il centro sinistra. 

Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di Paisemiu.com Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. 

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous article#Regionali2015. Lecce, soddisfazione in Forza Italia per la candidatura di Adriana Poli Bortone
Next articleNovoli, il 12 aprile con “Sinbad il viaggiatore” si conclude la rassegna teatrale dedicata alle famiglie