Novoli, Gianmaria Greco si “impone” e vince il secondo sondaggio promosso da Paisemiu.com

0
661

Sondaggio Paisemiu amm.ve Novoli 1

Novoli (Le) – A pochi mesi dalle elezioni amministrative (il Ministero dell’Interno non ha ancora provveduto a rendere nota la data esatta che dovrebbe essere tra marzo ed aprile 2015, in concomitanza con le consultazioni regionali) Gianmaria Greco, attuale Vice Sindaco della giunta presieduta da Oscar Marzo Vetrugno, vince il secondo sondaggio promosso da “Paisemiu.com” su chi, i cittadini novolesi, vorrebbero  che fosse il futuro sindaco di Novoli.

Le 263 preferenze ottenute da Greco lo fanno risultare primo, distaccando ampiamente Massimiliano Toraldo secondo (con 78 voti) e Francesco Spada, consigliere comunale di minoranza al terzo posto (con 71 voti).

Esigue le preferenze ottenute dagli altri candidati in lizza: Amedeo Marzo, considerato da molti il candidato ideale della coalizione di centrosinistra, con 24 voti, mentre 17 per l’attuale assessore ai Lavori Pubblici, Antonio Roma, considerato da alcuni un altro eventuale candidato per la coalizione di centrodestra,  e solo 5 per l’attuale assessore ai Servizi Sociali, Gianfranco Fiore. Numeri poco rilevanti (27 voti) alla voce “Altri”, con presenze per lo più di testimonianza.

È giusto specificare che un sondaggio virtuale non pretende di essere assimilato ad uno strumento scientifico, ma i numeri posti in essere potrebbero rappresentare un chiaro orientamento di parte della popolazione che ha partecipato alla consultazione online e che ha scelto di far sentire la propria voce mediante questo meccanismo partecipativo.

Sarà per l’approssimarsi alle elezioni reali, ma rispetto al primo sondaggio di qualche mese fa, vinto dall’assessore alle Politiche Giovanili, Roberto Nitto con 136 voti, è indubbio che abbiano partecipato più persone e questo la dice lunga sulla volontà di un segmento più ampio della popolazione di “rendersi presente” con maggiore convinzione.

Secondo tradizione i candidati a Novoli vengono scelti nell’immediato approssimarsi delle consultazioni nelle segrete stanze dei vertici politici locali; magari, però, in questo specifico caso, non sarebbe male prendere in considerazione l’ipotesi di soluzioni più partecipate come le Primarie, assemblee cittadine o altri meccanismi di scelta condivisa.

Sicuramente un consapevole coinvolgimento della comunità servirebbe a ravvivare un sentimento civico che, negli ultimi anni, si è spento lentamente insieme ai luoghi di aggregazione politica ed a tutte le attività politiche annesse e connesse. Siamo certi che i novolesi che oggi hanno scelto di confrontarsi a livello virtuale, sarebbero in grado di mobilitarsi anche e soprattutto nella vita reale.

{loadposition addthis}