Forza Italia, Angelo Donno neo-responsabile del dipartimento cultura di Taviano

0
482

angelo donnoTaviano (Le) – “Esprimo un sentimento di gratitudine nei confronti di Paolo Pagliaro e Annalaura Giannelli per l’incarico conferitomi, condiviso da Luigi Vitali, per il quale metterò a disposizione tutta la mia esperienza ed il mio rinnovato entusiasmo per rappresentare al meglio il Dipartimento Cultura di Forza Italia nella mia città”.

Così il neo responsabile a Taviano del Dipartimento Cultura di Forza Italia, Angelo Donno.

“Non mi risparmierò – aggiunge – perché sono spinto dalla convinzione che l’uomo e la sua cultura debbano tornare a ricoprire un postola centrale nella società. La moderna concezione della vita, infatti, chiede che la cultura non resti più un serbatoio di formule, slogan, disposizioni, teorie, imperativi, pensieri “già pensati” quale patrimonio esclusivo di pochi eletti; ma un grandioso laboratorio per tutti di nuove idee, di appassionati progetti, di produttive ricerche ed esperienze, continue e creative spinte a capire e conoscere meglio il futuro. Ciò – conclude Donno – senza mai privarlo delle nostre antiche e solidi radici del formidabile e glorioso passato”.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous article“A pesca di immondizia”, primo Maggio alternativo a Casalabate
Next articleL’invidia come motore sociale ed economico