Avremo prima un Papa e poi un Governo

0
1303


“Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave senza nocchiero in gran tempesta, non donna di provincie ma bordello”.

Mai frase più profetica e attuale, non perché faccia parte dell’opera più grande della letteratura italiana, ma perché, quello che la tornata elettorale regala ai nostri occhi è questo; Italia ingovernabile, lo spread sale vertiginosamente mentre le aziende continueranno a chiudere.

E il Papa? Ah già si è dimesso anche il Papa e l’ultimo giorno di Febbraio la sede Vaticana rimarrà vacante.

Ah, ma allora qui ci vuole un miracolo? Ma no, Italiani, popolo d’irresponsabili, state tranquilli avrete prima il Papa e poi un governo. Già, entro il 20 marzo ci sarà la fumata bianca e forse forse per accontentarvi nomineranno il Papa di colore. Abbronzato, come disse Berlusconi di Obama, così almeno profezie e diavolerie varie si avvereranno. I Maya avevano ragione, se vedessero oggi i risultati delle elezioni italiane, riderebbero a crepa pelle. Così come sta facendo Grillo che con il Movimento 5 Stelle, alla Camera, è il primo partito d’Italia. Impensabile ma vero.

Guardando Matteo Renzi, ci è sorta una domanda: “Quale allenatore di calcio, avendo a disposizione Messi, manderebbe suo nonno in campo e metterebbe lui in panchina, nella partita più importante dell’anno?”

Chiudiamo così con questo interrogativo che poco ha a che fare con la politica, ma in Italia con la politica ormai nulla ha più a che fare. Non lamentatevi delle “guasconate” del Cavaliere lo avete scelto consapevolmente, lui ha vinto, insieme a Grillo sono i “capocannonieri” di questi giorni. Sorridete, perché per piangere c’è tempo.

Ora si aprano i teatrini televisivi. Altro che The Truman Show, lo spettacolo è appena iniziato ed è tutto reale. Però se ci fermiamo a pensare, forse il Papa, potrà intercedere per noi per un miracolo. Questa nazione per non morire ha bisogno solo di un miracolo.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleFUTSAL: un Lecce tutto cuore conquista tre punti d’oro.
Next articleTutti per uno, non vince nessuno