Università del Salento e Università delle Finanze di Mosca rinnovano la loro partnership

0
231

Ateneo LecceLecce – L’Università del Salento non è nuova agli scambi culturali con l’Università delle Finanze di Mosca e, nell’ambito di questa consolidata tradizione, accoglierà dall’ 11 al 21 ottobre un gruppo di dieci studenti russi, accompagnati da due docenti, presso il dipartimento di Scienze dell’Economia. In questa edizione, che si presenta come un modo per ricambiare l’ospitalità offerta dall’istituto russo ad alcuni studenti leccesi lo scorso maggio, si prevedono: un fitto programma di lezioni, la frequentazione di un breve stage presso alcune aziende locali, la partecipazione ad alcune tavole rotonde, durante le quali si analizzeranno i dati più recenti dell’economia e dell’interscambio commerciale tra Russia ed Italia, alla luce dei recenti avvenimenti. 

Il progetto, fortemente sostenuto dai docenti e dagli studenti della Facoltà di Economia dell’Ateneo salentino, ha come ulteriore obiettivo quello di approfondire la conoscenza reciproca tra soggetti e realtà territoriali di cui poco si conosce.  Verranno, così, utilizzati tutti gli strumenti della conoscenza che permetteranno di abbattere quei preconcetti e la disinformazione ancora oggi diffusa.   L’abbattimento di tali barriere culturali avverrà anche attraverso l’organizzazione di attività ricreative, tra le quali una gara di cucina con la quale gli studenti russi ed italiani si confronteranno preparando alcune ricette tipiche del proprio Paese.

Per maggiori informazioni è possibile contattare la mail russia@unisalento.it o il professor Paolo Leoci, responsabile scientifico del progetto.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articlePrimo passo verso il “Futuro”: presentata oggi la terza edizione del TEDxLecce
Next articleElezioni provinciali 2014, ha vinto Gabellone ma un po’ ha perso l’esercizio democratico del voto popolare