Surbo, CasaPound celebra “Il giorno del ricordo”

0
316

Foibe CasaPound

Surbo (Le) – In occasione del «Giorno del Ricordo» istituito con legge 92 del 30 marzo 2004, in memoria delle vittime delle foibe, dell’esodo giuliano-dalmata, delle vicende del confine orientale, la sezione leccese di CasaPound Italia si è data appuntamento a Surbo per una breve ma significativa commemorazione di un momento storico triste per l’intera nazione, in un luogo – Surbo –  che piange fra le vittime delle atrocità volute da Tito anche la morte Angelo Maletesta, un maresciallo della Guardia di Finanza barbaramente trucidato.

{gallery}Gallerie/casapoundsurbo{/gallery}

L’incontro si è tenuto sabato, 14 febbraio, a partire dalle ore 17.30: un folto gruppo di uomini e donne (se ne contavano circa 150), in corteo, ha attraversato alcune vie del paese fino a giungere al Largo Vittime delle Foibe dove ha sostato per un breve ma significativo momento di riflessione comune per manifestare piena solidarietà e cordoglio ai familiari delle vittime delle foibe – attraverso il ricordo di fatti che hanno significativamente inciso sulla storia del nostro Paese –  e di tutti i cittadini salentini che hanno sacrificato la loro vita sul confine orientale.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleTrans Adriatic Pipeline, per Casalabate la passione Trepuzzina o il pragmatismo Squinzanese?
Next articleLeverano fa sognare con: “IL BACIO IN TUTTE LE FORME DELL’ARTE”