“Se tu avessi parlato … Emilia” al Teatro di Novoli

0
498

Se tu avessi...Novoli (Le) – L’opera “Se tu avessi parlato … Emilia” al Teatro Comunale di Novoli, sabato 11 gennaio alle ore 21 con la compagnia Aletheia Teatro. Lo spettacolo, scritto e diretto da Marinella Anaclerio ed interpretato da Carla Guido accompagnata dalle musiche arrangiate ed eseguite de Christian Pezzuto (a completare la squadra ci sono Marta Marrone – scena, Marinella Anaclerio -costumi – e Giuseppe Calabrò – luci), è nato all’interno del progetto “Colpi di Genio” promosso dall’Assessorato alle Politiche Sociali e Pari Opportunità della Provincia di Lecce, dopo l’anteprima di novembre, debutta nella stagione di prosa di Novoli.

L’opera è l’originale riscrittura da “Otello” di Shakespeare attraverso gli occhi della co-protagonista femminile Emilia, moglie di Jago. È Un lavoro dedicato allo scottante tema della violenza sulle donne che prova a guardare gli eventi da un punto di vista femminile non solo di vittima ma anche di complice più o meno consapevole.

La trama Una donna in punta di piedi avanza, è Emilia, moglie di Iago che, sopravvissuta alla strage, viene dal passato a raccontarci com’è veramente andata. Il passato la tormenta e parlare lenisce il rimpianto per ciò che non ha fatto quando poteva. Insieme a lei scopriamo dettagli della storia che quasi sempre sfuggono, come in tanti fatti di cronaca. Sì Otello ha ucciso, ma quanto Emilia stessa avrebbe potuto fare perché la tragedia non si consumasse?

Il costo del biglietto è di 10 euro – intero platea e palchi centrali; 7 euro – ridotto (under 25 e over 65) platea e palchi centrali; 7 euro – palchi laterali e loggione

Info: tel: 334 7423031 – 340 3129308

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLa Fòcara “a fuoco” con Emir Kusturica e Hidetoshi Nagasawa
Next articleLecce: non paghi il parcheggio e transiti liberamente nel centro storico se hai un auto elettrica