Scuola al via, tra aspettative e rischi

0
71

Il 24 settembre 2020, suonerà la prima campanella di un anno scolastico certamente anomalo ma pieno di sfide che certamente sapremo affrontare con voglia e determinazione.

Una riapertura segnata in molti istituti dalle criticità sui nuovi banchi, sul distanziamento e l’uso delle mascherine. Le misure di precauzione ed un sistema complesso come la scuola avrà sicuramente tempo per migliorare ed essere migliorato in quest’epoca di pandemia mai vissuta nella nostra recente storia.

Ma insieme ce la faremo. Ora infatti è il momento di sostenere insieme l’impegno profuso da tutti gli attori protagonisti, dal corpo insegnante ai nostri ragazzi passando per le famiglie.
Le istituzioni inoltre collaborino fra loro: stiamo affrontando una situazione difficile, in una fase peraltro delicata dei contagi.

Se il ricorso alla didattica a distanza è stato obbligatorio per cause di forza maggiore legate al Covid-19, ora è arrivato il momento di provare a convivere col virus.

Sarà certamente complesso e difficile ma sono convinto che d’ora in avanti, attraverso la collaborazione di tutte le parti, sarà importante spenderci in modo fattivo per consentire ai nostri figli di andare a scuola e ritornare ad una forma di socializzazione che, seppur limitata, è importante tanto quanto gli stessi programmi didattici di apprendimento.

Ciò che in questi ultimi giorni ha raccolto più commenti ed approvazioni sugli account social è stata una foto con cui Vasco Rossi ha voluto celebrare l’inizio del nuovo anno scolastico.

“Saluto l’inizio delle scuole con questo scatto del 1959 che ritrae i bambini di Guiglia, piccolo comune ai primi rilievi dell’Appennino modenese, che per recarsi a scuola a valle dovevano attraversare il fiume Panaro con una carrucola. Ogni giorno” scrive Vasco pubblicando la foto d’epoca in bianco e nero. “Perché la scuola era l’unico ponte per aggrapparsi al futuro. Perché, citando Hugo, chi apre la porta di una scuola, chiude una prigione e condanna l’ignoranza. Buon anno scolastico”.

Scrittore e nurse-reporter. Laurea in Infermieristica e Laurea Specialistica, Master in Management e Coordinamento. Redattore Paisemiu.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleFigli del Salento – L’arte di Geremia Re
Next articleRiapre la scuola