New Sounds Music Contest: un’opportunità imperdibile per la musica inedita

0
77

new sounds music contest

Novoli (Le) – In un momento così critico per il panorama discografico, momento in cui le produzioni fai-da-te sono sempre più frequenti per carenza di addetti ai lavori disposti a investire denaro su progetti musicali anche validi, trovare l’occasione di portare la propria musica su un vero palcoscenico e di farsela produrre e incidere in un vero studio di registrazione è molto difficile, se non impossibile. Fortunatamente esistono ancora appassionati di buona musica che hanno voglia di impiegare risorse al riguardo, per scoprire nuovi talenti e promuoverli. Questo l’obiettivo del New Sounds Music Contest, concorso organizzato da TFKL Records, di cui Paisemiu.com è media partner, insieme a Radio Venere e Radio Peter Pan.

Il concorso, che si svolgerà tra i mesi di febbraio e marzo prossimi, è aperto a tutti i gruppi musicali di qualsiasi età, genere musicale e provenienza nel territorio italiano, e ha come obiettivo la valorizzazione delle capacità di artisti meritevoli per le loro qualità musicali, artistiche, interpretative, e che vogliano promuovere la loro musica (è aperto infatti soltanto a coloro che presentano brani inediti).

È ancora possibile iscriversi al contest, fino al 18 gennaio 2015, completando il modulo di iscrizione pubblicato sul sito ufficiale (http://tfklrecords.wix.com/tfklrecords#!new-sound-music-contest/cf9c), in cui si trova anche il regolamento per intero. Le 15 band finaliste selezionate accederanno alle selezioni live, che si svolgeranno presso l’Area 51, noto locale di Novoli (Le), e verranno giudicate da una Giuria Tecnica e da una Giuria Popolare.

La serata finale, in programma per il 29 marzo, prevederà quindi due vincitori, per ognuna delle due giurie. E i premi sono veramente ghiotti: produzione di un album da otto brani e rotazione radiofonica di un singolo per il vincitore del premio della giuria tecnica; produzione di una demo da tre brani e rotazione radiofonica di un singolo per il vincitore del premio della giuria popolare; una giornata in sala di registrazione e forti sconti su mixaggio e mastering per il terzo e il quarto classificato. Il tutto pagando una quota di iscrizione al contest quasi irrisoria, di soli venti euro.

E per saperne di più riguardo a questa politica di promozione della musica senza speculazione alle spalle, noi di Paisemiu.com abbiamo intervistato i due ideatori e organizzatori dell’intero contest, Francesco Politi e Luciano Tafuro della TFKL Records, che oltre a essere due grandi appassionati di musica hanno anche un passato da musicisti veri e propri.

Come è nata l’idea di organizzare un contest musicale in un momento in cui la discografia, soprattutto italiana, non sta propriamente “navigando in acque sicure”?

francesco politiFrancesco Politi: “Noi siamo entrambi ex musicisti, e abbiamo avuto modo di osservare quanta difficoltà ci sia, in particolare nel nostro Salento, nella diffusione della musica inedita, specialmente nella sua dimensione live. Le cover band attirano più gente nei locali, da qui è nata l’esigenza di dare spazio a chi la musica non solo la suona, ma la scrive anche. E il premio in palio, la produzione di un album, vuole venire incontro a quei gruppi validi, ma che hanno difficoltà economiche (incidere un disco ha i suoi costi), e che vorrebbero farsi conoscere”.

Quanto è stato importante il vostro passato da musicisti per mettere su un progetto così ambizioso e impegnativo?

Luciano Tafuro: “La nostra gavetta musicale ci ha consentito di comprendere quali sono i desideri e le difficoltà di chi suona musica inedita. Abbiamo voluto creare questo trampolino di lancio per le nuove band, poi il compito più importante sarà proprio il loro, andare avanti presentando prodotti di qualità. Non mancano i diffidenti, ma li comprendo, in giro ci sono tanti concorsi poco seri e privi di trasparenza. Noi cerchiamo di dare il massimo da parte nostra”.

Una serietà da parte vostra anche dal punto di vista economico, vista la quota di partecipazione al concorso quasi irrisoria. Come mai questa scelta, in un mondo in cui la discografia è sempre più in crisi?

Francesco Politi: “Questo è proprio il nostro punto di forza. Noi abbiamo il nostro studio di registrazione, quindi il premio in palio lo potremo fornire in prima persona. Non c’è speculazione sotto: noi crediamo nel nostro progetto e nelle band che si stanno iscrivendo. Vogliamo dare l’opportunità anche a chi non ha grosse possibilità economiche.”luciano tafuro

Luciano Tafuro: “Inoltre tutti quanti vinceranno qualcosa. Ovviamente i finalisti avranno i premi più elevati, ma tutti i partecipanti avranno sconti per le attività della sala di incisione”.

Cosa vi aspettate da questo contest?

Luciano Tafuro: “Di trovare dei gruppi molto validi, anche tecnicamente. Da qui la scelta di chiamare due giurie, una tecnica e una popolare: ci saranno due vincitori, non vincerà soltanto chi porta più amici nel locale”.

Francesco Politi: “Siamo orgogliosi e arricchiti da una forte passione per la musica: ci aspettiamo band nuove da promuovere, che riescano a farsi notare in mezzo a una miriade di cover band, anche valide, ma senza una propria identità”.

Da musicisti e da addetti ai lavori, aspettando la prima fase del concorso, quali sono i vostri gusti musicali?

Francesco Politi: “Da ex batterista ho suonato un po’ di tutto. Il mio genere preferito è il progressive-metal, ma amo anche il jazz. Un buon musicista deve essere aperto mentalmente”.

Luciano Tafuro: “Riassumiamo tutto quanto con la parola ROCK”.

Per tutte le info e per il regolamento completo visitate il sito http://tfklrecords.wix.com/tfklrecords#!new-sound-music-contest/cf9c oppure inviate una mail a tfkl.records@gmail.com.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleIl mercante di luce
Next articleL’analisi: risultato importante per un Lecce bello solo a metà