“Leverano nell’anima”. Emozione e partecipazione per l’evento voluto dal gruppo “Mappa di comunità di Leverano”

0
800

Leverano nellanimaLeverano (Le) – Nella splendida cornice di Palazzo Gorgoni, in via Girolamo Marciano a  Leverano, ieri alle 19 si è dato il via a “Leverano, nell’anima”.

“Qual è la percezione dei luoghi da parte di una comunità e come cambia nel tempo? Quanto questa corrisponde alla realtà e quanto è invece legata al passato?” Per dare risposta a queste domande, il gruppo spontaneo “Mappa di comunità di Leverano” – composto da Marcello Rolli, Antonio Re, Leonardo Tondo, Salvatore Lecciso, Valentino Traversa e Alessio Quarta –  ha deciso di creare una sorta di specchio, una “Leverano riflessa” in cui ogni cittadino si possa distinguere, disegnare e riconoscere al contempo.

All’inaugurazione erano presenti il Primo Cittadino insieme ai suoi assessori, decisamente fieri del lavoro svolto dal gruppo spontaneo e pronti a dare, nuovamente, loro fiducia e supporto. Tra il pubblico vi erano anche alcuni membri delle istituzioni scolastiche che si sono detti desiderosi di sensibilizzare i più piccini all’amore per il territorio.

Dagli organizzatori, il Palazzo è stato suddiviso in diverse stanze. In una stanza, grazie all’utilizzo di spilli di colori diversi e divisi in fasce d’età, ogni cittadino leveranese può indicare un punto, su una mappa del territorio, che ha segnato la sua memoria o che considera semplicemente caro. In un altro ambiente si sono voluti sviluppare sensi come la vista e l’udito, tramite l’utilizzo di particolari melodie, vecchie foto e luci soffuse volte a far affiorare i ricordi più intimi della comunità stessa  e volte a creare il contesto percettivo della “pàtula” per farlo immaginare alle generazioni più giovani. In un’altra stanza si è presentato un progetto per la zona di Leverano “Pàtula Cupa”, protagonista dell’evento, che in passato e anche in questi ultimi anni, è stata soggetta ad allagamenti.

Coi piedi nellacquaFiore all’occhiello dell’evento è appunto la mostra fotografica “Coi piedi nell’acqua – storia fotografica degli allagamenti a Leverano”. Gli allagamenti sono documentati con significative foto provenienti dall’archivio storico leveranese, selezionate in modo certosino dal gruppo.  La mostra fotografica sarà visitabile tutti i giorni sino al 26 Aprile.

Un’attenzione particolare meritano gli allestimenti, che sono tutti realizzati con materiali a basso costo, quali cartone, cantinelle di legno e tessuto non tessuto, per creare uno sfondo ideale e neutro che metta in risalto le immagini, i grafici e le tavole, ma che al contempo generi volumi variabili, usati come metafora dei diversi piani di percezione e pensiero.

L’intero percorso diverrà poi il contesto in cui avranno luogo le diverse attività in programma: da tavole rotonde con brevi interventi alle visite guidate del percorso di Palazzo Gorgoni rivolte alle scuole, da conferenze sui possibili scenari progettuali per Pàtula Cupa a laboratori di urbanistica partecipata. Sono anche previste escursioni all’aperto, nell’area di Pàtula Cupa, per ri-generare il rapporto tra il luogo e la popolazione.

Il programma di “Leverano, nell’anima” si arricchirà con interventi teatrali e musicali. Il “Teatro delle Rane” infatti presenterà uno spettacolo teatrale dal titolo “Leverano nell’anima: racconti della memoria”. Gli attori che si esibiranno saranno: Antonio Dell’Anna, Luciano Lezzi, Ilaria Costa, Roberta Paladini, Piergiorgio Martena, Ivana Landolfo, Marilù Valentino e Sara Sabetta.  Spettacolo di narrazione del territorio, del lavoro, della dignità, dello sfruttamento, di tante partenze e pochi ritorni. Gli spettatori torneranno indietro nel tempo, immergendosi completamente in quei racconti in bianco e nero che spesso si danno per scontati e che invece costituiscono un tesoro immenso per la  comunità. La magia del teatro si fonderà poi, il giorno successivo, nelle sublimi note di “Canto da Sud. Suoni e voci dell’Anima”.  

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleNovoli, accecato dalla gelosia, picchia la sua ragazza e le ruba soldi e cellulare. Arrestato giovane 18enne
Next articleXylella, è corsa contro il tempo per fermare l’irrorazione dei potenti pesticidi su tutta la provincia di Lecce decisa dalla Regione Puglia