“Iside a Lecce. Nuove scoperte nella città romana”

0
583

Iside a Lecce

Lecce – Si inaugura domani, sabato 7 dicembre 2013 alle ore 17.30 al “MUSA”, il Museo Storico-Archeologico dell’Università del Salento, la mostra archeologica “Iside a Lecce. Nuove scoperte nella città romana”.

L’evento, curato dal prof. Francesco D’Andria, racconta l’evocativa ricomposizione del santuario di Iside a Lecce, identificato nel 2006 dopo scavi e ricerche archeologiche a cura dell’Ateneo salentino sotto le fondamenta di Palazzo Castromediano – Vernazza, struttura  del XVI secolo presente nel centro storico di Lecce.

Questi studi portarono alla luce un ambiente sotterraneo, chiamato appunto purgatorium, con all’interno una vasca che avrebbe dovuto contenere l’acqua del fiume Nilo. L’area sacra, inoltre, era circondata da un portico a colonne di cui è stato identificato un tratto del basamento.

L’esposizione presenta il modello ricostruttivo del santuario e alcuni degli oggetti in marmo, rinvenuti durante gli scavi, che costituivano gli arredi del santuario stesso, come la statua di marmo di età augustea raffigurante Afrodite, divinità alla quale è assimilata Iside.

All’inaugurazione saranno presenti Letizia Gaeta, delegata dal Rettore alla Conoscenza, ricerca e messa in valore dei Beni culturali; Mario Lombardo, Direttore del Dipartimento di Beni Culturali; Luigi La Rocca, Soprintendente per i Beni Archeologici della Puglia; Paolo Perrone, Sindaco del Comune di Lecce; Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia Palazzo Giustiniani.

Interverrà anche il professor Francesco D’Andria, curatore della mostra. Il coordinamento dei lavori sarà a cura della Sig.ra Grazia Maria Signore, responsabile tecnico-scientifico del MUSA.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleAl “Matusa” per scalare un Gran Premio della Montagna: focus sul Frosinone
Next articleSabato, 7 dicembre, il ministro Carrozza a Lecce