Il momento del gusto … All’ombra della Fòcara

0
728

 

Per gli abitanti di Novoli e dintorni, i giorni della Fòcara di S. Antonio rappresentano uno dei periodi più importanti dell’anno. Ma, come ogni amante della buona cucina sa, ogni festa è ricca di antiche tradizioni culinarie. I piatti che si trovano tipicamente sulle tavole dei novolesi, sanno di mare e di semplicità.

Nel rispetto della tradizione, diventa indispensabile parlare degli Gnocculi fatti a mano al sugo di pesce, primo piatto tipico della cucina salentina, apprezzato da molte generazioni. Gli gnocculi sono una squisita pasta fresca fatta solo con acqua e farina, all’occorrenza si possono sostituire con dei tubettini. Prepariamoli insieme!

 Ingredienti per 4 persone:

 (per la pasta)

– Farina 00 (125 gr)
– Farina di semola (125 gr)
Olio (5 gr)
– Acqua (130 gr)

 (per il sugo)

– Olio (per la pentola)
– Aglio (uno spicchio)
– Scorfano (o triglia, o cernia) (200 gr)
– Gamberi (100 gr)
– Calamari (100gr)
– Vino bianco (mezzo bicchiere)
– Passata di pomodoro (700 ml)
– Prezzemolo (un ciuffo)
– Sale e pepe (q.b)

 Preparazione:

Mettere insieme i due tipi di farina e l’acqua e impastare fino ad ottenere un composto liscio e morbido.Con un coltello dividete l’impasto in piccolissimi pezzi e lavorateli con le dita arrotolandoli leggermente fino ad ottenere una forma a gnocchetto. Lasciate riposare la pasta su una spianatoia infarinata.

Lavate e pulite il pesce, i gamberi e i calamari.

Fate soffriggere olio e aglio in una pentola capiente. Aggiungete il pesce a pezzettini, i gamberi e i calamari. Fate cuocere per pochi minuti e sfumate con un po’ di vino bianco. Aggiungete la passata di pomodoro, aggiustando di sale e pepe o peperoncino.

Fate cuocere a fuoco lento per mezz’ora. Portate una pentola piena d’acqua ad ebollizione, salate e lessate la pasta. A cottura ultimata, scolate, condite con il sugo di pesce e servite.

Oltre a queste prelibatezze, la gastronomia della Fòcara vede protagonista la frittura di pesce, dai calamari, ai gamberi, ai pupiddrhi (piccolissimi merluzzetti). Le strade del paese sono disseminate di bancarelle che offrono ai passanti prodotti tipici e gustosi, come la tipica scapece, l’immancabile Moscato di Novoli (conosciuto col termine dialettale muscateddhra, e una varietà di frutta secca e datteri. Questi ultimi in particolare richiamano la figura del Santo patrono, per il colore della sua pelle e per la provenienza africana.

I più esigenti non dovranno di certo preoccuparsi di restare a bocca asciutta… sulle vie della festa la varietà non manca! Provare per credere.

{loadposition addthis}

 

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleSapori di festa
Next articleA Novoli va in scena LA MEDEA di Euripide