Il 13 giugno, l’artista Pio Tarantini a Salice Salentino

0
547

Pio Tarantini

 

A Salice Salentino (Le) è di scena “la grande fotografia”; infatti l’Associazione Fotografica Fotofucina con sede, appunto a Salice Salentino, in via Cairoli 89 è lieta di presentare, nell’ambito di FotoArte 2013, con il patrocinio della Provincia di Lecce e del Comune di Salice Salentino, un incontro d’autore con Pio Tarantini, artista di origini salentine. 

Trasferitosi a Milano nel 1973, dove tutt’ora vive e lavora è conosciuto in tutto il modo per la sua arte e i suoi insegnamenti.

Le sue mostre sono sempre tra le più attese. Intensifica negli anni la sua attività di studioso cominciando ad insegnare Storia della Fotografia e Linguaggio Fotografico presso l’Istituto “R. Bauer” (ex-Umanitaria) di Milano. Comincia anche le sue collaborazioni giornalistiche con diverse testate e in particolare con la rivista PRO diretta da Maurizio Rebuzzini.
La sua attività di insegnamento specialistico prosegue con molti corsi presso scuole e associazioni pubbliche e private e viene chiamato per conferenze presso alcuni corsi di Facoltà dell’Università Statale e del Politecnico di Milano e dell’Università Milano-Bicocca. In questa Università, presso la Facoltà di Sociologia, collabora tra il 1996 e il 1999 al progetto di Sociologia Visuale Photometropolis.

Ha al suo attivo la pubblicazione di 12 volumi monografici e cataloghi tra i quali: Pio Tarantini e il suo angelo (1995); Trent’anni di fotografia (2002); L’ombra del Vero (2003); Scenari (2006); Mille chilometri vicino (2008); Le montagne oltre il mare (2008). È presente in numerosi cataloghi di mostre e progetti collettivi.
Nel corso di questi decenni realizza molti lavori compiuti, una ventina dei quali trovano uno sbocco editoriale o espositivo; su di essi sono stati scritti saggi e articoli da parte di molti tra i maggiori critici e giornalisti d’arte italiani. Tra i tanti lavori: Lecce Barocca esposta la prima volta presso la Galleria Il Diaframma di Milano (1984) e poi presso la Facoltà di Architettura a Torino; Arte sacra minore nel Salento esposta tra l’altro nella Sagrestia vecchia del Bramante presso Santa Maria delle Grazie a Milano (1985); Il passato e i pensieri, in mostra a Spazio Immagine, Bari 1988; Del Crepuscolo, in mostra alla Fondazione Corrente di Milano nel 1996 e presso il Palazzo di Città, a Lecce nel 1998; L’Ombra del Vero (2003) e Scenari (2006) presso la Galleria Fotografia Italiana Arte Contemporanea di Milano.

Precederà l’incontro un’introduzione storica sul rapporto tra viaggio e fotografia a cura dello storico Andrea Laudisa.

L’appuntamento, imperdibile per tutti gli appassionati della fotografia e per chiunque voglia approcciarsi a questo mondo che danza, tra il reale e l’immortale racchiusi nell’occhio di una macchina fotografica, che non tramonterà mai, è al Centro Polifunzionale “Padre Benigno Perrone”, via Pasquale Leone, Salice Salentino il 13 Giugno alle ore 19.30.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleEsce “L’isola che c’è”, nuovo singolo per LaNik
Next article“Robertson Wine Tours” incontra Feudi di Guagnano