A Lecce va in scena “La contrada dei poeti”, una serata tutta dedicata alla poesia

0
363

Fondo verriLecce – La poesia è il tema della grande serata organizzata dall’associazione culturale Fondo Verri che avrà luogo a Lecce lunedì 27 Ottobre a partire  dalle ore 19. L’evento,  promosso dall’assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia, si terrà al Fondo Verri sito in via S. Maria del Paradiso, nei pressi della Chiesa del Rosario di Porta Rudiae.

Tema centrale della serata: l’incontro tra poeti leccesi e poeti brindisini, perché, come spiega Alessandra Peluso, curatrice dell’iniziativa “tutto è cominciato il 27 marzo 2014 durante una serata a Brindisi con Mimmo Tardio e Maurizio Nocera, mentre si parlava di “Ritorno Sorgente” (libro di poesia) si è avuta la percezione dell’eccessivo distacco tra poeti leccesi e poeti brindisini, sconosciuti gli uni agli altri per diverse ragioni”.

Ed ecco che il 4 Settembre 2014, in seguito alla prima edizione di “In-chiostri” di Brindisi, Mimmo Tardio, poeta, scrittore, artista poliedrico ha voluto dedicare spazio alla poesia leccese nella città di Brindisi, organizzando successivamente l’appuntamento del 27 Ottobre, appunto nella città dei due mari.

Interverranno alla manifestazione Mimmo Tardio, Daniela Tateo, Dino Trisolino, Giovanna Valente, Clara Nubile, Maurizio Nocera, Alessandra Peluso ed altri artisti. Inoltre, nel corso della serata verrà dato ampio spazio alle letture di Marcantonio Gallo e Mauro Marino e alle canzoni di Paola Petrosillo.

Il fine dell’iniziativa, afferma Alessandra Peluso, “è quello di creare reti, abbattere i pregiudizi, andare oltre i battibecchi umani, avere cura e dedizione e amare ciò in cui si crede”.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleL’analisi: a Salerno l’inversione di rotta?
Next articleII edizione Premio Scòla Federiciana, alla riscoperta delle nostre origini linguistiche