II edizione Premio Scòla Federiciana, alla riscoperta delle nostre origini linguistiche

0
484

premio scla federicianaLecce – È ormai tutto pronto per la seconda edizione del Premio Scòla Federiciana che si terrà questa sera alle 21.00 presso la sala Maria D’Enghien del Castello Carlo V a Lecce. Di altissima valenza culturale, il premio, gestito dalla Khàrisma produzioni con il contributo della Regione Puglia, con la collaborazione della Presidenza del Consiglio Comunale di Lecce e della Fondazione Città del Libro di Campi Salentina, attraverso accurati studi e ricerche linguistiche, si prefigge lo scopo di promuovere la lingua italiana e le sue origini siculo – calabro – salentine.

“La Fondazione Città del Libro ha risposto con entusiasmo alla richiesta di collaborazione di Scòla Federiciana – dichiara Fabio Sirsi, presidente della Fondazione Città del Libro di Campi Salentina – Il contenuto delle ricerche, serie e qualificate, alla base del progetto sono per noi motivo di orgoglio per il nostro territorio e meritevoli di un partenariato di ampio respiro poiché la mission della Fondazione, a nostro avviso, deve essere sempre di più quello di accompagnare le realtà che contribuiscono alla crescita culturale. Ciò anche in un’ottica di marketing territoriale dove il Salento non è solo la movida, a tratti riprovevole, di Gallipoli ma anche terra di fermento letterario e approfondimento. Con il Libro, con tutte le sue sfaccettature, al centro del dibattito”.

Ospite della manifestazione, presentata da Daniela Panzera, “L’Ensemble Vocal de Seebach”, coro franco – tedesco diretto da Sophie Chartreux, che terrà un concerto dedicato al Rinascimento Francese.img 5442“Ho sempre creduto che la storia della lingua italiana non poteva soltanto essere quella che riportano i nostri libri – dice il dottore Alfredo Pagliaro, presidente del Comitato scientifico del Premio – Mi sono sempre chiesto quanto i libri di scuola abbiano nascosto la vera storia; leggendo oggi notizie di quel tempo ci possiamo rendere conto di quante cose ci sono state celate. Ciò che ha mosso me e il mio entusiasmo è stato quello di voler esser vicino allo spirito di questa città. Ringrazio Enzo Pezzuto per la grande disponibilità e caparbietà nel suo lavoro e il professore Paul Arthur, ordinario di Archeologia medievale dell’Università del Salento, in quanto grazie al suo lavoro ha dimostrato fisicamente quanto ancora questa città ha da svelarci; è importantissimo, a mio avviso, conoscere le radici storiche culturali della nostra città”.

 

Durante la serata l’attrice Anna Murolo ed il regista – attore Pascal Pezzuto reciteranno brani di autori internazionali. Il premio Scòla Federiciana quest’anno andrà a Pierre Racine, professore emerito di Storia Medievale presso l’Università di Strasburgo “…per aver sostenuto, a livello internazionale, le origini federiciane della lingua italiana”.

“La novità assoluta di quest’anno è che Lecce, grazie a questa manifestazione, è entrata di diritto nei circuiti europei federiciani. Sede del Premio rimane Lecce, ma saremo presenti il 13 dicembre anche nella rassegna Città del Libro di Campi Salentina e saremo anche a Cavallino da cui, in eurovisione satellitare, partiranno le immagini per tutto il mondo”. Aggiunge entusiasta lo studioso Enzo Pascal Pezzuto, parlando delle novità che riserva quest’anno il Premio.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleA Lecce va in scena “La contrada dei poeti”, una serata tutta dedicata alla poesia
Next articleIO penso in GRANDE …