Violenta tromba d’aria a Porto Cesareo. Si contano i danni

0
1981

Porto Cesareo (Le) Pochi minuti fà, circa alle ore 12,20 di questa mattina, violenta tromba d’aria si è abbattuta sulla marina jonica. Subito dopo un temporale con forte vento e grandine, un piccolo tornado di entità media si è formato dal mare e ha colpito una parte della Riviera di Ponente di Porto Cesareo. La zona interesata è la piccola spiaggetta al centro del paese, nota dagli anni ’50 con il nome di “spiaggetta ti lu ‘Ngiccu“, gestore dello storico “Bar Eden”, oggi “L’Aragosta” che, anticamente, aveva una rotonda sul mare in cui i giovani si ritrovavano la sera per ballare.

{gallery}Gallerie/tromba{/gallery}

I danni di questa calamità sono ricaduti sul piccolo chioschetto di legno, bar dello stabilimento balneare estivo in concessione all’Hotel antistante “Gran Paradise”, antica struttura rilevata e restaurata circa una decina di anni fà.  Oltre al tetto del chioschetto di legno, volato via a causa della forza del vento, anche il palo della luce adiacente è stato sradicato dalla tromba marina, che subito dopo ha perso forza e si è dispersa. Danni anche alla casa sulla spiaggia, antica sede del Museo di Biologia Marina di Porto Cesareo, alla sinistra del chiosco, alla quale  il maltempo ha distrutto il cancello d’ingresso e le colonne che lo sostenevano. Subito i proprietari del chioschetto sono arrivati sul posto per verificare i danni subiti e per recuperare le attrezzature presenti all’interno. Al momento, nessun danno a persone per fortuna, ma da qualche minuto ha ripreso a piovere abbondantemente e a soffiare un forte vento.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleServizi FSE: vibrante protesta di studenti e famiglie novolesi
Next articleDal Papa al Presidente, l’elezione è ormai imminente