Squinzano, nella notte ignoti devastano l’ufficio dell’Assessore Mino Ippolito

0
1656

img 6656Squinzano (Le) – L’Amministrazione Comunale di Squinzano viene fatta ancora oggetto delle attenzioni di chi non trova modo migliore di manifestare la sua contrarietà attraverso atti intimidatori. Questa volta le “attenzioni” sono state rivolte all’assessore Mino Ippolito il cui ufficio la scorsa notte è stato devastato ad opera di ignoti.

                                                                                                                                                        {gallery}Gallerie//attominatorio{/gallery}

Il Sindaco Mino Miccoli ha rilasciato una dichiarazione di solidarietà nei confronti dell’assessore Ippolito: “Esprimo all’assessore Mino Ippolito, alla sua famiglia  e i collaboratori di studio, tutta la mia solidarietà e quella dei cittadini di Squinzano per il vile gesto che questa notte ha danneggiato il suo ufficio di lavoro. Conosco di Mino le qualità umane, politiche e amministrative che fanno di lui una persona attenta e scrupolosa e lo invito a continuare il suo percorso nel solco di quei sani e giusti principi che da sempre lo contraddistinguono rimandando al mittente lo sconsiderato gesto di cui è autore soltanto chi non ama il prossimo e la sua terra, immaginando un mondo dove le intimidazioni possono ancora far cambiare idea agli uomini giusti. Squinzano e l’assessore non rispondono a queste logiche ma sono impegnati in un processo culturale di rinnovamento che emarginerà chi non si adegua alla pratica della giustizia e della legalità le uniche che possono contribuire a una città e un mondo migliore”.

Ogni commento a questo ennesimo atto minatorio sarebbe superfluo, saranno gli inquirenti, prontamente giunti sul posto, a fare luce sull’accaduto.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLe mani nel sacco: un video-tutorial per godersi le festività senza sprechi e all’insegna del consumo consapevole
Next article… Perché Capodanno è ogni giorno