Lecce, frasi insulse sul frontale di una chiesa. Imbrattato anche il volto della statua dedicata alla Vergine Maria

0
809

Sagrato S.Giovanni Battista

Lecce – Un’amara sorpresa ha svegliato stamani gli abitanti della parrocchia San Giovanni Battista di Lecce, nella zona 167, già da alcuni anni retta dal parroco don Gerardo Ippolito, di origini novolesi. Uno spettacolo a dir poco blasfemo si è presentato agli occhi del viceparroco, don Riccardo Calabrese, e dei fedeli che, come ogni mattina, si recavano in chiesa per partecipare alle funzioni religiose.

Tre frasi scritte con vernice rossa sul prospetto della Chiesa hanno fatto da cornice anche al dolce volto della Madonnina, ubicata nei pressi del sagrato, anch’esso, dunque, sfigurato con lo stesso colore. Un atto intimidatorio o, come ha ipotizzato sin da subito lo stesso don Riccardo, una forma di protesta e di presa di posizione nei confronti della Chiesa Diocesana e dell’Onorevole Alfredo Mantovano, all’indomani di un incontro-dibattito organizzato presso la stessa parrocchia lo scorso 7 Febbraio ed in cui sono stati trattati temi delicati quali la pedofilia, l’omosessualità ed il fenomeno sempre più “richiesto” qual è quello dei trans.

{gallery}Gallerie/parrocchiasangiovannibattistalecce{/gallery}

“Davanti ad un simile atto vandalico non si può restare indifferenti! – afferma don Riccardo. – Lo dimostra la sensibilità di tanti che, in qualche modo, questa mattina si sono avvicinati per esprimere il loro sdegno per queste scritte che, nel cuore della notte, hanno rovinato la facciata della Parrocchia, e quel colore che ha imbrattato il volto di Maria. Non ci fermerà, certo, una simile azione! Continueremo a lavorare, per il bene della gente e per la gloria di Dio! – Tante le attestazioni di affetto e solidarietà, mentre da subito i volontari si sono messi all’opera per ripulire e ripristinare il sacro decoro”.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleNovoli tennistico: 6-0 all’Ascoli Satriano
Next articleTradizione, cultura, passione: prima potatura per il vigneto del Castello di Copertino