Influenza 2015, i bambini sono i soggetti più a rischio

0
381

Influenza 2015L’influenza 2015, che ha colpito già tantissime persone, è particolarmente aggressiva, ed il picco non è ancora arrivato, si stima, infatti, che arriverà per metà febbraio.  Si tratta di mezzo milione di persone affette da forme respiratorie acute para-influenzali e migliaia di casi di virus intestinale.

Tra le persone più a rischio vengono segnalati anziani di età superiore a 65 anni e bimbi di età inferiore a 5 anni, altri soggetti particolarmente a rischio sono le donne in gravidanza, le persone con patologie cardiache o diabetiche e quelle con le difese immunitarie ridotte a causa di altre terapie come la chemio, alta l’allerta anche per coloro che frequentano luoghi particolarmente affollati.

Ma ci sono dei modi per “evitare” prendere questa influenza? Gli esperti consigliano di evitare i luoghi affollati, lavarsi bene le mani col sapone, coprirsi naso e bocca quando si tossisce o starnutisce, evitare eccessivi sbalzi di temperatura.

I virus di questa influenza sono: febbre anche alta, sopra i 38 gradi, spossatezza e dolori muscolari, naso congestionato, mal di gola. Per chi viene colpito dal virus intestinale deve fare i conti anche con nausea, vomito, episodi di diarrea.
Tutti coloro che sono già caduti vittima dell’influenza 2015 testimoniano l’aggressività del virus di quest’anno, che lascia letteralmente atterriti.
L’unico rimedio per guarire al più presto e non contagiare le altre persone è assoluto riposo e non frequentare uffici e asili, qualche giorno di relax permetterà a voi di riprendere le forze nel più breve tempo possibile e agli altri di non essere ingiustamente contagiati da una vostra imprudenza.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleMeteo, in arrivo in Italia l’aria polare
Next articleSquinzano, colpito da malore muore in auto nel centro del paese