Finalmente Tommaso ed Elisabetta tornano a casa (2)

0
62

tomaso-bruno-liberiDa poche ore circola la notizia dei nostri connazionali liberati in India. La storia inizia nel Febbraio del 2010 a Varanasi, città sacra dell’India,  famosa meta turistica. Tre amici, Tommaso Bruno, Elisabetta BoncompagniFrancesco Montis, condividono la stessa stanza d’albergo.

Una mattina Checco, non si sveglia,  Elisabetta e Tommaso con l’aiuto del personale dell’albergo portano l’amico in ospedale ma il medico non farà altro che constatare il decesso per asfissia da strozzamento. Da qui il calvario dei nostri connazionali. Vengono arrestati e detenuti senza un processo e, senza sapere in base a quali prove, vengono accusati di omicidio.  Dopo 18 mesi di detenzione, in condizioni che non rispettavano nessun minimo requisito di dignità e rispetto umano, vengono processati e condannati in primo grado all’ergastolo. Il pubblico ministero aveva chiesto anche la pena di morte dei due ragazzi per impiccagione in quanto Checco era il fidanzato di Elisabetta e si alludeva ad un omicidio passionale. Il fatto che una ragazza condividesse la stanza con due ragazzi non è normale, almeno  in India. Il fatto che uno dei due ragazzi fosse morto portava a pensare che l’omicida avesse una relazione intima illecita con Elisabetta.  Questo lo si apprende dagli atti processuali, sono le motivazioni che hanno portato alla detenzione dei due ragazzi. Inoltre, fatto a dir poco curioso, si scopre che il medico che ha fatto l’autopsia era un’oculista e non un’esperto in medicina legale!

Dopo anni di sofferenza, ricorsi e polemiche la stessa Corte Suprema indiana ha deciso di annullare l’ergastolo.  Dopo 4 anni di sofferenza Tommaso ed Elisabetta tornano liberi.

Naturalmente la mente ci porta subito ai nostri Marò, la vicenda non è collegata, ma le analogie si possono trovare. 

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleDebby Lou: a “The Voice” non mi hanno capita, ma con J Ax darò il massimo (2)
Next articleGaranzia Giovani: come procede il progetto in Puglia?