UniSalento e FIDAPA insieme per le donne: domenica la firma del protocollo d’intesa

0
43
Lecce – Domenica 12 dicembre 2021, alle ore 11 nella sala interna de “La Bella ‘mbriana” (strada provinciale Lecce-Cavallino) verrà sottoscritto un protocollo d’intesa tra l’Università del Salento e l’associazione FIDAPA BPW-Italy Distretto Sud Est. L’accordo, il cui obiettivo è quello di contribuire allo sviluppo socio-culturale del territorio, prevede, oltre all’attivazione di percorsi formativi e corsi di aggiornamento o riqualificazione professionale volti a promuovere la parità di genere, la programmazione di master brevi o corsi di alta formazione sui temi della creazione e del management d’impresa e offre la possibilità di realizzare programmi di studio e di ricerca sui temi dell’economia, del diritto e della gestione delle imprese pubbliche e di condividere dati, informazioni e servizi scientifici e culturali di comune interesse.

Il protocollo verrà firmato dalla Prorettrice vicaria dell’Università del Salento Maria Antonietta Aiello e dalla Presidente FIDAPA BPW-Italy Distretto Sud Est Maria Nuccio; saranno presenti la Presidente nazionale FIDAPA BPW-Italy Fiammetta Perrone, la Past Presidente nazionale – BPW Executive Finance Officer 2021/2024 Eufemia Ippolito, la vice Ministra a Infrastrutture e mobilità sostenibile Teresa Bellanova, la Consigliera di Parità della Provincia di Lecce Filomena D’Antini, le docenti UniSalento Anna Maria Rizzo, Claudia Sunna, Monica Mc Britton e Claudia Morini. Si tratta di una collaborazione fortemente voluta sia dall’Università del Salento che da FIDAPA, come sottolineano la Prorettrice vicaria dell’Università del Salento Maria Antonietta Aiello «Una collaborazione che rimarca l’impegno del nostro Ateneo sui temi delle pari opportunità a partire dalla formazione per arrivare all’inserimento lavorativo, alla creazione d’impresa e alle opportunità di carriera. La partecipazione a pieno titolo delle donne allo sviluppo sociale, economico e culturale è essenziale e non più rinviabile, anche tenuto conto che la parità di genere è tra gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile» e la presidentessa del distretto Sud-Est FIDAPA, Maria Nuccio,che ritiene che la collaborazione tra l’Università del Salento e FIDAPA BPW-Italy Distretto Sud Est sia estremamente utile, poiché rappresenta un’opportunità non solo per tutte le socie, ma anche per la crescita culturale e sociale del territorio.

La FIDAPA BPW Italy è un’associazione di sole donne e per le donne, composta, in Italia da circa 10.000 Socie, articolata in 300 Sezioni distribuite su tutto il territorio nazionale, raggruppate in 7 Distretti. Il suo scopo è di promuovere, coordinare e sostenere le iniziative delle donne che operano nel campo delle Arti, delle Professioni e degli Affari, autonomamente o in collaborazione con altri Enti, Associazioni ed altri soggetti. Si tratta di un movimento di opinione indipendente, senza scopo di lucro, che persegue i propri scopi senza distinzione di opinione politica, etnia, lingua, religione o cultura. I suoi obiettivi sono: valorizzare le competenze e la preparazione delle socie indirizzandole verso attività sociali e culturali che favoriscono il miglioramento della vita delle donne; incoraggiare le donne a un continuo impegno nonché a una consapevole partecipazione alla vita sociale, amministrativa e politica, adoperandosi per rimuovere gli ostacoli ancora esistenti; adoperarsi per rimuovere ogni forma di discriminazione a sfavore delle donne, sia nell’ambito della famiglia che in quello del lavoro, nel pieno rispetto delle norme vigenti in materia di pari opportunità; favorire rapporti amichevoli, reciproca comprensione e proficua collaborazione fra le persone di tutto il mondo.

Una collaborazione interessante questa tra l’Università del Salento e FIDAPA, sostenuta da valide ed evidenti necessità sociali, al fine di abbattere definitivamente qualsiasi stereotipo di genere, in ambito lavorativo e non e di permettere anche alle donne, componente fondamentale della società, di dare un contributo significativo allo sviluppo del territorio, nel pieno riconoscimento delle loro capacità e qualifiche.