Tappa a Campi Salentina per il tour di IT.A.CÀ, la rete che difende il turismo responsabile e la biodiversità

0
60

Ha fatto tappa a Campi Salentina, questa mattina, il tour salentino di IT.A.CÀ, la rete che promuove e difende la biodiversità locale.


Campi S.na (Le) – Nel percorso a piedi da Guagnano a Lecce, il gruppo ha fatto visita alla Chiesa di Santa Maria delle Grazie. Grazie al prezioso contributo del Prof. Alfredo Calabrese i visitatori hanno potuto apprezzare la storia e la bellezza artistica di una Chiesa che, con le sue stratificazioni, rappresenta un gioiello di biodiversità storico artistiche.

Il gruppo ha inoltre incontrato i rappresentanti dell’Amministrazione Comunale, consegnando al Sindaco Alfredo Fina il “Manifesto per la biodiversità” con la richiesta di condivisione di un piano integrato con le associazioni ambientaliste e culturali per una nuova riforestazione di tutto il Salento e per un piano di educazione ambientale e sostegno al turismo sostenibile da effettuare in tutte le scuole.

“Le richieste avanzate dalla rete IT.A.CÀ – sostiene il Sindaco di Campi Salentina Alfredo Fina – si trovano perfettamente in linea con gli obiettivi previsti dalla nostra Amministrazione. Processi di inclusione sociale, attenzione all’ambiente e valorizzazione del territorio in tutte le sue peculiarità sono punti fondamentali del nostro programma. Con molto piacere quindi accolgo il Manifesto consegnatomi dalla rete IT.A.CÀ e ringrazio tutti i partecipanti per aver deciso di inserire la nostra cittadina all’interno del loro percorso”.

“È stato un piacere per noi accogliere la richiesta dell’associazione IT.A.CÀ di fare tappa qui a Campi – afferma Alessandra Spalluto, consigliere con delega al marketing territoriale.
IT.A.CÀ è il primo e unico festival in Italia che si occupa di innovazione turistica e come ben sappiamo, il turismo è stato messo in ginocchio dall’attuale emergenza socio-sanitaria. Proprio per questo, mai come quest’anno,è importante creare delle sinergie con chi ,come questa associazione, si impegna a sperimentare modelli alternativi dimostrando che c’è bisogno di un turismo che rispetti l’ambiente e le culture locali”.

Il gruppo proseguirà il suo viaggio fino al prossimo 4 ottobre quando terminerà il percorso al capo di Santa Maria di Leuca.

Per restare aggiornati:

Home Page 2020


https://twitter.com/ItacaFestBO
https://www.instagram.com/it.a.ca/
https://www.facebook.com/itacafestival
https://www.youtube.com/user/FestivalitacaBO