“Saperi e Sapori del Salento 2016”. Scoprire la penisola a bordo di auto d’epoca tra barocco, mare cristallino, folklore e solidarietà

0
456

Auto depoca Saperi e SaporiLecce – Versione sotto l’ombrellone della IX edizione di “Saperi e Sapori del Salento”, la gara di regolarità di auto d’epoca provenienti da tutta Italia, che conquista ogni anno di più gli amanti dei motori d’antan e della cultura a tutto tondo.

L’appuntamento è fissato domani 17 giugno e fino al 19 giugno prossimi con la consueta 3 giorni che fa scoprire e riscoprire le bellezze paesaggistiche, artistiche, culturali ed enogastronomiche della Terra dei due mari e che è organizzata dall’Automotoclub Messapia di Ugento.

Per il secondo anno consecutivo, cultori, appassionati e curiosi potranno ammirare l’allegra carovana dei gioielli a 4 ruote nel cortile di Palazzo dei Celestini, che diventerà per 3 giorni lo scrigno privilegiato dei motori partecipanti alla kermesse. Quest’anno, teatri delle sfide a colpi di cronometro saranno il fiammeggiante barocco leccese, i paesaggi mozzafiato di Santa Maria di Leuca e il borgo più bello d’Italia 2015, ovvero Presicce.

Protagonisti altrettanto significativi, come ogni anno, saranno i piatti tipici salentini, che raccontano di una cucina povera e ancorata a una tradizione contadina: ciascun partecipante, infatti, sul proprio diario di viaggio troverà associata a ogni tappa del tour una ricetta tipica del luogo. E così anche la gastronomia racconta un territorio, in cui sono diventati famosi e richiestissimi da turisti italiani e stranieri i ciceri e tria, le pettole e le minestre di cicerchie.
Il tour incomincerà domani 17 giugno alle ore 18 da piazza Sant’Oronzo, da cui la carovana lancerà il suo saluto al capoluogo salentino con la prima prova di abilità, con la presentazione del giornalista Bruno Conte e i commenti sulle auto da parte dell’esperto Claudio Piccinno.

Tra i 40 partecipanti alla kermesse, spiccano anche quest’anno bellissimi esemplari: come la Lancia Lambda del 1932, la più antica del gruppo, e la Mercedes 450 SL del 1978, la più recente.
Non solo gare sportive e divertimento: quest’anno, il Messapia Automotoclub si mette al servizio della solidarietà, organizzando una serata di beneficienza nel Teatro Romano di Lecce: sabato 18 giugno, dalle ore 20, ad aprire la serata sarà il gruppo teatrale della Famiglia salesiana di Lecce “Li Scumbenati”. Il ricavato della manifestazione sarà devoluto proprio al gruppo teatrale salesiano, che da anni si occupa del reinserimento sociale dei giovani diversamente abili, attraverso il teatro e la poesia.
Artisti d’eccezione saranno poi i Tamburellisti di Otranto, progetto che coinvolge circa 60 musicisti fra bambini e ragazzi, i quali, guidati dal maestro Massimo Panarese, raccontano il folklore salentino a ritmo della pizzica, con tamburelli e testi cantati e scritti proprio da loro. Memorabile la loro esibizione nella trasmissione di Massimo Ranieri “Sogno e son desto” di gennaio scorso.

“Saperi e Sapori del Salento” 2016 è patrocinata dal Comune e della Provincia di Lecce e dai Comuni di Presicce e Castrignano del Capo.

L’Automotoclub Messapia di Ugento è un ente federato Asi (Automotoclub Storico Italiano), insignito per 3 volte del prestigioso riconoscimento della “Manovella d’Oro”, la più alta onorificenza cui un club ASI può aspirare, che  premia gli sforzi e i sacrifici di uno staff affiatato e capace, che negli anni ha maturato esperienza e competenza e si è dedicato alla valorizzazione del nostro territorio. Uno staff, quello del club ugentino, composto da Antonio Pappalardo, Dario Colonna, Pippo Belfiore, Silvana Congedo, Tonino Benincasa, Luigi Primiceri, alla cui guida c’è il Presidente, Massimo Carrozzo.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce, si presenta Padalino: “L’occasione della vita”
Next articleA Novoli, il 18 giugno, una giornata speciale con gli appassionati di fumetto ed illustrazioni