Novoli, domenica 12 ottobre gli scout del CNGEI inaugurano il nuovo anno sociale

0
288

CNGEI

Novoli (Le) – Camicia color verdone senza una grinza, zaino in spalla, grido di pattuglia e un nuovo anno per il gruppo scout CNGEI “Stefano Costa” può cominciare.

Come consuetudine, nel mese di ottobre ripartono le attività organizzate dalla sezione di Novoli del CNGEI  e sarà Piazza Regina Margherita la location che domenica 12 ottobre, a partire dalle ore 9, sancirà l’inizio ufficiale del loro nuovo anno sociale.

Una doppia occasione è quella che avrà luogo in piazza: da una parte si potrà assistere alla celebrazione dell’inizio delle attività (con il classico quadrato di apertura e l’alzabandiera) e dall’altra far conoscere il mondo dello scoutismo a chiunque abbia voglia di avvicinarvisi. Durante la “Giornata dello Scoutismo”, infatti, i giochi e le tradizionali attività scout saranno aperte a tutti i bambini e ragazzi del paese che saranno invitati a giocare insieme ai lupetti, esploratori e rover della sezione novolese. In questo mondo si potranno già pregustare le esperienze, fatte di gioco, avventura e vita, che caratterizzeranno il 40esimo anno di attività del  gruppo scout novolese; il CNGEI, d’altronde, non fa altro che realizzare, attraverso l’opera dei volontari, un’azione educativa laica, indipendente da ogni credo religioso e ideologie politiche, che impegna i giovani al conseguimento e all’approfondimento delle scelte personali.

L’impegno dell’ equipe novolese, dunque, si riconferma: le iscrizioni sono aperte per tutti i ragazzi e le ragazze di età compresa tra gli 8 ed i 19 anni. Ma non c’è un’età per diventare scout: il Movimento è aperto anche agli adulti desiderosi di aiutare i giovani, come affermava il fondatore del movimento, Lord Robert Baden Powell, a lasciare questo mondo un po’ migliore di quanto lo abbiamo trovato.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous article“Nonna Grazia racconta” e la Biblioteca Comunale di Porto Cesareo si riempie di fiabe e magia.
Next articleFUTSAL LECCE: tutto pronto per il debutto.