Novoli, appello del sindaco Marco De Luca: “Per i regali di Natale scegliete i commercianti novolesi”

0
831

Novoli (Le) – Prima domenica di Avvento non solo per la liturgia cattolica. Anche la Politica vive questo momento di preparazione al Natale che vedrà la comunità cittadina impegnata a prepararsi nel miglior modo possibile alla celebrazione delle festività che, a Novoli in particolare, si protrarranno ben oltre il 6 gennaio (Epifania del Signore), ricorrendo la festa patronale in onore di Antonio Abate con le sue novene ed i suoi riti fino al 18 gennaio di ogni anno.

Le domeniche dell’Avvento scandiscono le settimane di preparazione al Santo Natale – scrive il Sindaco di Novoli, Marco De Luca, ai suoi concittadini – Il Natale che ci apprestiamo a vivere quest’anno sarà diverso per mille ragioni che potete immaginare. Ancora oggi abbiamo grande incertezza su cosa accadrà nei prossimi giorni.
Si parla di un Natale sobrio. Io preferisco parlare di un Natale di COMUNITÀ.
I baci di auguri, le strette di mano o gli abbracci che quest’anno non potremo dare, potranno invece diventare gesti ed atti di solidarietà verso il prossimo. Dovremo RISPETTARE numerosi condizionamenti, ma FACCIAMOLO. Lo dobbiamo fare per il rispetto dovuto a chi non c’è più ed alle persone più vulnerabili, pensiamo ai nostri anziani”.

Un Natale anomalo, insomma, sottolinea De Luca, il Covid amplifica la crisi del commercio lasciandosi alle spalle non pochi problemi per interi comparti economi oggi, come non mai, sottomessi a serie preoccupazioni per la lotta alla sopravvivenza.

“Per tali motivi – scrive il Sindaco vi invito a dare supporto all’economia locale, scegliendo le aziende, i negozi e le attività commerciali del nostro Comune per i vostri acquisti. Il Comune di Novoli farà la sua parte per far respirare un po’ di atmosfera Natalizia. Saranno piccole attenzioni per portare un po’ di colore in queste settimane dal futuro grigio e incerto per molti., ma non mancherà soprattutto l’aiuto verso le famiglie in difficoltà”.

“L’augurio – conclude poi Marco De Lucaè di vivere questo Natale nella propria comunità, riscoprendo la gioia di trascorrere queste giornate in famiglia e a contatto con le persone a noi più vicine. Le passeggiate fra le vie affollate o i pranzi allargati li rimandiamo al prossimo anno. Ricorderemo il Natale 2020 anche per questo, per averlo vissuto in modo diverso rispetto agli altri”.