L’Associazione Archimede presenta il “Festival Canoro”

0
753

Festival CanoroVeglie (Le) – Una vera e propria battaglia all’ultima nota è quella che si prospetta sabato 20 e domenica 21 aprile presso il centro fieristico di Veglie sito in via Salice.

Il “Festival Canoro – Premio Veglie 2013” è un concorso aperto a tutti coloro che hanno voglia (e capacità) di cantare, suddiviso in due gironi. Le iscrizioni, aperte a fine gennaio e chiuse il 13 marzo, hanno portato alla formazione di un gruppo di sedici agguerritissimi concorrenti, pronti a sfidarsi canzone dopo canzone, sempre con un sano spirito competitivo.

I partecipanti sono stati selezionati da varie zone del Salento e ciascuno di loro ha preparato, in questi giorni, una sigla da loro ballata insieme ad una piccola sorpresa che costituiranno i loro “biglietti da visita”. Il lavoro dei contendenti alla vittoria, insomma, non si limita alle due giornate; i concorrenti, infatti, già da tempo, si recano in sala di registrazione e in sala prove. Nel corso della serata di domenica verranno decretati i tre finalisti che si sfideranno, poi (sempre con una canzone differente da quella presentata il giorno prima),  per decretare il vincitore della manifestazione.

A presentare lo spettacolo sarà Ivan Bonetti, affiancato dalla showgirl Sammy Joe e dal musicista pugliese Raffaele Vecchio. La direzione artistica è affidata a Diego D’Amato mentre le coreografie sono realizzate e coordinate da Gabriella Festa. Per assistere ad una delle due serate basta acquistare un biglietto al costo di 5 €, rivolgendosi ai responsabili dell’associazione “Archimede” che ha organizzato l’evento.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLa carica dei 101 (tiratori franchi). PD nel caos.
Next articlePiazza Baratto “dal consumo futile allo scambio e riuso utile”