Il prossimo 7 aprile al Teatro Comunale di Novoli andrà in scena “Secondo Pinocchio”.

0
540

Domenica 7 aprile alle ore 17.30, al Teatro Comunale di Novoli, prosegue la rassegna  CI VUOLE UN FIORE – A TEATRO CON MAMMA E PAPA’ promossa dal Comune di Novoli in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese e la compagnia Factory.

Per la gioia dei più piccini andrà in scena lo spettacolo “SECONDO PINOCCHIO” per la regia e interpretazione di Daria Paoletta e Raffaele Scarimboli, della compagnia Burambò di Foggia.

Sarà il burattino più famoso del mondo a intrattenere i presenti in un vortice di emozione che vedrà la sua figura sia in “veste” primordiale, sia in una versione mai vista prima. Un viaggio introspettivo che il burattino compie attraverso se stesso intrattenendo in modo ironico ed intelligente i presenti.

L’opera “secondo Pinocchio” permette al burattino, inventato dalla sapiente penna di Collodi, di avere una seconda possibilità e vivere una vita diversa, tutta sua, all’interno dello spettacolo stesso.

Prima dello spettacolo ci sarà la presentazione della rivista “UN DUE TRE STELLA” a cura di Cecilia Maffei e Antonietta Rosato.

All’esterno del Teatro ci sarà il piccolo workshop, dal titolo “Pinocchio a pezzi per la realizzazione di una mostra estemporanea con i disegni realizzati dai partecipanti a cura di PIPI&PUPU KIDS (ART) WEAR, ospite l’illustratore Vincenzo Zichella.

INFO E PRENOTAZIONI

Per informazioni e prenotazioni telefonare al numero 334 7423031.

Ingresso: 5 euro adulti e bambini.

La biglietteria sarà aperta le domeniche di spettacolo dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16 ad inizio spettacolo.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleTragedia ferroviaria. Venticinque anni, vittima di se stessa…
Next articlePorto Cesareo, il sindaco Albano: “Nessun fermo all’azione amministrativa”