Facebook, falso il messaggio sul “diritto d’autore”

0
240

facebook-inc-news-feed

C’è un falso messaggio sul copyright che sta facendo il giro di Facebook: ‘promette’ di proteggere i diritti d’autore degli utenti.  
Il messaggio-dichiarazione condiviso recita: «In risposta alle nuove linea guida di Facebook, dichiaro che il mio diritto d’autore è collegato a tutti i miei dati personali, illustrazioni, fumetti, dipinti, foto e video professionali, ecc. Per uso commerciale di quanto sopra la mia autorizzazione scritta è necessaria in ogni momento!».

In realtà, Facebook non possiede i messaggi e in base alla politica sulla privacy l’azienda ha il diritto di distribuire e condividere le cose che un utente inserisce, soggette alle loro impostazioni di privacy e delle applicazioni. Tra l’altro il messaggio falso parla della «convenzione di Berner», che in realtà non esiste. 
Chiunque lo abbia creato forse voleva riferirsi alla ‘convenzione di Berna’, che è un accordo internazionale che protegge le opere e i lavori artistici. 
Gli utenti di Fb possono quindi tirare un sospiro di sollievo.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleNovoli, fuoco e fiamme sulla Fondazione Fòcara
Next articleÈ festa