“E…state in Stazione” si trasforma in un centro fitness all’aperto con “Stazione… in MOVEMENT”.

0
484

movement estateSabato, Piazza Stazione a Novoli, si trasformerà in una grande pista da ballo dove verranno date lezioni all’aperto di zumba fitness, il travolgente ballo brucia calorie e strappa sorrisi che sta dilagando in tutto il mondo. Un corso formato family, al quale possono partecipare grandi e piccini; mamme, papà e figli, ma i anche nonni; un’idea che vuole contribuire a migliorare la vivibilità di Piazza Stazione, rendendo questo spazio pubblico un luogo d’incontro e socializzazione.

In questo caso a suon di musica, danza e divertimento, un po’ aerobica un po’ latino-americana, la “zumba” offre ai partecipanti la possibilità di sgranchirsi gambe e muscoli, praticando quel sano movimento che fa bene alla salute e aiuta a scaricare lo stress con tante risate di gruppo.

Dalla California a Novoli, la zumba fitness unisce agli effetti benefici dell’aerobica il dinamismo e la sensualità delle danze afro caraibiche, ideale per chi vuole sudare e imparare nuovi passi: Un ritmo ideato per caso negli States dal colombiano Alberto Beto Perez, coreografo di Shakira, che sta spopolando anche in Europa per la sua capacità di divertire, aggregare e allenare senza far accusare troppa fatica.

Una grande festa sotto le stelle, nelle calde serate estive, un nuovo modo di praticare lo sport all’insegna del benessere psico-fisico.

A seguire tutti a ballare con Roberto Indirli e la musica dance music anni ’70 – ’80 – ’90.

“Balliamo sotto le stelle” è un invito a lanciarsi in pista grazie alla musica trascinante di Roberto Indirli con un  repertorio che spazia dagli anni ’70 ai ‘90 e comprende grandi successi discografici italiani e stranieri.

 {loadposition addthis}

 

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce: Il Teatro Paisiello ha ospitato la Scuola di danza di Porto Cesareo “Emotion Dance”.
Next articleLecce: riprende il progetto “Open Days”