Catena Fiorello presenta il suo romanzo “Un padre è un padre” nella marina Jonica di Porto Cesareo

0
843

Locandina Catena Fiorello Porto CesareoPorto Cesareo (Le) – Martedì 8 Luglio alle 21.30 in Piazza N. Sauro a Porto Cesareo, il Salotto Letterario “Le Scapigliate” introduce la scrittrice e giornalista Catena Fiorello (siciliana d’origine ma salentina d’adozione) che presenta il suo ultimo romanzo “Un padre è un padre” edito da Rizzoli.

Catena Fiorello racconterà la storia che ha sempre voluto scrivere: quella di un uomo che impara a essere padre e di una donna che scopre di essere figlia. Perché padri, e figli, si diventa, grazie alla forza sorprendente dell’amore. 

Sarà un incontro “in famiglia”, fra persone che si conoscono da tempo e che da tempo amano rivedersi ed intrattenersi per condividere un pezzo di strada insieme. Quella sera, l’autrice dialogherà con Salvatore Luberto, cittadino della marina jonica, per narrare la storia di un padre caratterizzata da tanta forza e tanto coraggio. 

Non è la prima volta che Catena Fiorello si inserisce nella magica cornice di Porto Cesareo; appena un anno fa, infatti,  ha presentato il suo romanzo “Dacci oggi il nostro pane quotidiano” conquistando ed affascinando il numeroso pubblico presente.

Ospite della serata il fotoreporter Rai Nino Sebastiano Fezza, scelto perché figura di “padre putativo” per tutti quei bambini incontrati nei luoghi di guerra e fattivamente impegnato nell’associazione umanitaria “Auxilia” che si occupa di aiutare i tanti villaggi africani che chiedono ausili poiché privi di assistenza medica.

Una serata imperdibile all’insegna di cultura ed emozioni, quelle che nascono da temi profondi e da rapporti che l’animo umano tesse e ricerca al contempo.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articlePorto Cesareo, il 9 luglio una giornata tutta a misura di bambino
Next articleNasce a Novoli “ZeroCanili” una nuova associazione di volontariato animalista