RIDUCI, RIUSA, RICICLA, RECUPERA, RIFLETTI

0
1139

Le 5 parole d’ordine per dare un aiuto personale all’ambiente, iniziano per R.

Negli ultimi anni la sensibilizzazione nei confronti dei temi ambientali sta finalmente raggiungendo il livello “individuale”. Non si parla più, quindi, solo di normative aziendali e industriali, di politiche ambientali regionali e comunali. Attraverso iniziative, supportate dai social network, si mira sempre più ad aumentare il numero degli attori coinvolti attivamente nella lotta contro la condanna del nostro pianeta.

Ecco le 5 parole d’ordine che ogni cittadino con una coscienza sociale dovrebbe conoscere e cercare, nel suo piccolo, di mettere in pratica:

RIDUCI i tuoi rifiuti. Non acquistare prodotti usa e getta, preferisci invece quelli a lunga durata, comprando, ad esempio, una teglia in materiale lavabile e riutilizzabile al posto di una in alluminio. Il costo sarà ammortizzato nel giro di pochi mesi.

Alla prima occasione regala una sporta (la classica busta della spesa) in tela o in plastica, sono pratiche, coloratissime, e occupano pochissimo spazio; tenerle in borsa vi farà risparmiare i costi delle buste di plastica al supermercato.

Le confezioni e gli involucri dei prodotti alimentari e casalinghi sono spesso privi di utilità e hanno scopi puramente estetici. Scegli quelli che utilizzano imballaggi ridotti.

RIUSA i tuoi oggetti e i tuoi capi. Non gettarli al primo segno di “cedimento”, cerca una soluzione alternativa, ripara e “rattoppa”.

Quello che a te non piace più, potrebbe essere un dono gradito a un amico, o al figlio della vicina. Invece di “gettare”, dona alle associazioni di beneficenza della tua zona.

Riutilizza la bottiglietta di plastica del tempo libero, riempiendola più volte da un contenitore più grande.

Utilizza i contenitori di plastica con coperchio per gli avanzi dei pasti, eviterai così lo spreco di pellicola, alluminio e recipienti usa e getta.

RICICLA ciò che non puoi riutilizzare così com’è. Il riciclo ha un doppio beneficio: da una parte aiuti l’ambiente, dall’altra le tue tasche. Più ricicli minori saranno i costi di smaltimento nei rifiuti per il tuo comune. Se nel tuo comune non è ancora attivo il servizio porta a porta, utilizza le isole ecologiche.

Una forma di riciclo meno utilizzata è il compostaggio: da frutta e verdura, come da qualsiasi tipo di materiale organico si possono ricavare eccellenti concimi e fertilizzanti.

RECUPERA l’energia all’interno dei rifiuti bruciandoli, per generare elettricità, riducendo drasticamente il bisogno di petrolio. Questo tema non coinvolge direttamente il singolo cittadino che ha il semplice compito di informarsi su questa nuova pratica, e farsene un’opinione.

RIFLETTI sui passaggi legati all’educazione all’ambiente e al riciclo, e rendi partecipe chi non lo è. Condividi le tue eco-conoscenze e non restare indifferente di fronte a un comportamento errato.

Cancella dalla tua mente la concezione secondo la quale i tuoi sforzi sarebbero comunque vanificati dal comportamento errato di un altro cittadino. Dai il buon esempio, aiuta ad “educare”.

E se pensi che sia difficile ricordare le 5 R, RILEGGILO.

{loadposition addthis}

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleSalento full monty, a Lecce il 22 aprile
Next articleGiornata mondiale contro le mine anti uomo