#FatePianoFestival – Martedì 1 settembre a Cisternino le note di Brahms e Ravel con Sara Metafune [VIDEO]

0
174

Cisternino (Br) – L’ospite della seconda serata del FatePiano Festival a Cisternino, in Villa Comunale martedì 1 settembre, è la giovane pianista neretina, Sara Metafune.

Completati gli studi accademici al Conservatorio Tito Schipa di Lecce con la prof.ssa Mariagrazia Lioy, continua la sua formazione in importanti accademie nazionali. Si esibisce regolarmente come solista ed in formazioni da camera, attualmente selezionata al Contest promosso dall’Accademia Filarmonica Romana come giovane promettente pianista italiana.

Al pianoforte è impegnata con la Sonata n. 3 op. 5 di Johannes Brahms, importante pagina della letteratura, cimento assoluto per molti pianisti, sia per la difficoltà esecutiva che la caratterizza, che per la sua incomparabile bellezza interpretativa. Innovativa la scelta di cinque movimenti, è una sonata-testamento in cui lo stesso Brahms racconta con cura la dinamica dei sentimenti attraverso una scrittura ardua, complessa, che scorre impetuosa fino alla fine. L’opera di Brahms pur continuando nella severa tradizione classica dello stile beethoveniano, abbraccia una visione avveniristica della scrittura e della forma, sempre attenta ad una concezione tutta sinfonica del pianoforte.

A seguire l’Op. 43 di Maurice Ravel “Miroirs”, ci introduce nel ‘900 pianistico francese. Si tratta di una suite composta da 5 danze, ognuna di esse dedicata a 5 musicisti scherzosamente definiti Apaches, gruppo di vivaci appassionati d’arte a difesa della musica contemporanea. Ravel scrive cinque quadri che, sebbene riconducibili allo stile dell’impressionismo francese ricreano, con una scrittura armonicamente più evoluta, nuove immagini che riflettendosi in un gioco di “specchi”, ci restituiscono le più disattese iridescenze sonore.