Il Lecce travolge anche la Salernitana: Pettinari e Maggio regalano la quinta vittoria consecutiva

0
70
pettinari

Lecce – I giallorossi non si fermano. Questa volta viene messa sotto anche la Salernitana nello scontro diretto della trentunesima giornata. Il Lecce vince due a zero contro la terza in classifica.

Confermate le probabili formazioni della vigilia. Dentro Tachtsidis al posto di Hjulmand rientrato solo ieri dall’impegno con la nazionale under 21. Nessun cambio negli altri reparti. La gara parte forte con tanto agonismo. Scontri in mezzo al campo e calci d’angolo al veleno. Non è facile superare la linea di centrocampo della Salernitana. All’11’, Coda disegna un passaggio centrale per Pettinari, l’anticipo di Mantovani mette in pericolo Belec che deve salvarsi in angolo. Sulla battuta successiva, è Lucioni a colpire bene di testa, Belec è bravo a respingere fuori. Sul corner consecutivo, ancora Lucioni impegna il portiere granata, questa volta con i piedi. La gara vive del possesso palla dei giallorossi e delle ripartenze della Salernitana. Non è facile trovare ritmo perché non ci sono troppi spazi per infilare le punte. Al 23’, Majer mette una palla fantastica in area, Bjorkengren sbuca alle spalle dei centrali, però, di testa non riesce ad indirizzarla in rete. Al 29’, il Lecce compie un’azione strepitosa con una triangolazione del reparto offensivo conclusa con il tiro di Henderson chiuso a terra da Belec. Al 32’, il Lecce crea un’occasione da gol con un rimpallo ed una danza del pallone sopra la traversa. E’ sempre Coda a crederci, anche sulle palle impossibili. Al 44’, poco prima della fine del primo tempo, il Lecce la sblocca. Tachtsidis indovina la corsia centrale, difesa bucata e Pettinari, con un destro-sinistro, si smarca e infila Belec. Finisce qui il primo tempo con i giallorossi in vantaggio.

La gara riprende con gli stessi ventidue in campo. La Salernitana cerca di affacciarsi in zona offensiva. Fino a questo momento, non si contano tiri in porta per la squadra di mister Castori. Al 48’, Lucioni rischia un anticipo su Djuric, la palla sfila vicino al palo. Al 52’, la Salernitana si fa rivedere con un tiro di Tutino deviato, in maniera decisiva, fuori. Un minuto dopo, è Meccariello a salvare una palla a porta vuota, bravissimo il centrale a leggere la traiettoria. Al 57’, Di Tacchio va al tiro di prima intenzione con un tiro a giro di poco sopra la traversa. Al 59’, si fa rivedere il Lecce con un tiro ad incrociare di Pettinari, la palla esce di poco a lato. Al 64’, l’episodio che potrebbe cambiare la partita. Bogdan, ultimo uomo, aggancia Coda, è espulsione. Entra Rodriguez e mette la firma. Al 73’, palla sull’esterno, Rodriguez la rimette dentro e imbuca per la testa di Maggio che la mette dentro. Il Lecce fa un passo in avanti, il doppio vantaggio al 73’ potrebbe essere determinante per i tre punti. La Salernitana, dopo la botta del rosso e del secondo gol, si fa rivedere in  avanti all’82’ con un tiro di Handerson. Nonostante il risultato, al 92′, i giallorossi continuano a spingere con i tiri in rapida successione di Yalcin e Majer.

Dopo tre minuti di recupero, l’incontro finisce qui. Il Lecce porta a casa anche questa battaglia consolidando il secondo posto in classifica. I giallorossi allungano la distanza dal Monza, fermato dall’Entella. Il treno è in corsa, non fermatelo.