Novoli, 150mila euro per il Laboratorio Urbano del Centro Culturale Tarantini

0
506

Ottenuto un finanziamento nell’ambito dell’intervento “Laboratori urbani in Rete” dal Servizio Politiche Giovanili e Cittadinanza Sociale della Regione Puglia: il Comune di Novoli tra i 50 progetti di miglioramento funzionale e strumentale dei Laboratori Urbani scelti. Soddisfatto l’assessore ai Lavori Pubblici, Antonio Sozzo: “Misura che permetterà di migliorare la vivibilità e l’ospitalità degli spazi, nascerà un centro di interesse culturale e innovativo per tutto il territorio”.


CENTRO CULTURALE TARANTININovoli (Le) – Nuova linfa per il Laboratorio Urbano di Novoli, beneficiario di un finanziamento nell’ambito dell’intervento “Laboratori Urbani in Rete”, attuato nelle scorse settimane dal Dipartimento Sviluppo economico, Innovazione, Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Puglia.

Il laboratorio sito all’interno del Centro Culturale Tarantini di via Lecce, infatti, ideato e strutturato per realizzazione di prodotti cinematografici- multimediali innovativi, risulta tra i 50 progetti (sugli 87 complessivi, di cui 9 non ammissibili e 28 esclusi per non aver raggiunto la soglia dei 50 punti di valutazione) richiesti dall’istruttoria tecnica regionale al fine di dare continuità al progetto “Bollenti Spiriti”, attraverso il miglioramento funzionale e strumentale dei laboratori giovanili.

Miglioramento, rigenerazione ed efficientamento degli spazi con lo scopo di potenziare la struttura a livello funzionale e migliorare l’architettura dello stabile sono stati i punti di forza del progetto novolese, che ha ricevuto ben 58 punti di valutazione e un contributo totale di 150mila euro. Soddisfazione all’interno dell’amministrazione novolese guidata da Gianmaria Greco. “Si è aumentata la sostenibilità economica della struttura sotto molteplici aspetti – commenta , da l’assessore ai Lavori Pubblici, Antonio Sozzopuntando sulla rifunzionalizzazione leggera degli spazi interni, sul completamento dell’arredo e sul miglioramento del livello di sicurezza ed accessibilità degli spazi del Laboratorio Urbano sito nell’ex Asilo Tarantini. Questa misura permetterà anche un adeguamento tecnologico ed informativo, l’ottimizzazione acustistica degli spazi, il miglioramento tecnologico dell’infrastruttura delle reti ma soprattutto la riduzione dei consumi energetici ed idrici per garantire confort ed ecosostenibilità”.

Un altro passo importante, dunque, per una struttura nata con lo scopo di generare modelli culturali innovativi e strumenti progettuali di qualità e, oggi, destinata a migliorare la sua ospitalità e la sua visibilità. “Questo nuovo intervento, a cui seguirà a giorni l’appalto esecutivo dei lavori – conclude Sozzo – continuerà a favorire una seria progettualità e la possibilità al territorio di usufruire di strumenti tecnologici di nuovissima generazione, ovvero un piccolo modello di riferimento per il sistema regionale e nazionale”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleOtranto
Next articleSquinzano, si profila all’orizzonte un’ opzione a cinque stelle?