L’Arca dei Giovani parte dal Mediterraneo: aperte le iscrizioni al progetto per studenti dai 14 ai 18 anni

0
341

Larca dei giovaniLecce – Sono aperte le iscrizioni per partecipare al progetto L’arca dei giovani parte dal Mediterraneo, progetto finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Dipartimento della Gioventù – Servizio Civile Nazionale, rivolto ai ragazzi tra i 14 e i 18 anni di età di qualsiasi nazionalità residenti a Lecce e in provincia.

Scaricando la scheda d’iscrizione e il bando dal seguente link http://www.nuovasiloe.org/progetti/larca-dei-giovani-parte-dal-mediterraneo/ sarà possibile accedere all’iniziativa entro il 21 marzo, inviando una mail ainfo@larcadeigiovani.org.

I partecipanti potranno scegliere di aderire gratuitamente ad uno dei seguenti laboratori: musicale, comunicazione multimediale, umanistico di narrazione e didattica complementare.

Dalla sperimentazione di nuove forme di integrazione sociale, attraverso l’uso delle arti visive e dei linguaggi cinematografici, offrendo la possibilità di conoscere nuove tecnologie, accostandosi alle materie letterarie in maniera differente dal metodo tradizionale, e fornendo le competenze per esplorare vari generi musicali quindi numerosi strumenti al fine di creare una band, L’arca dei giovani parte dal Mediterraneo offre un’imperdibile occasione di scambio e confronto.

Già alcuni ragazzi degli istituti G. Deledda, Stomeo – Zimbalo, e A. Olivetti di Lecce hanno aderito al progetto. La Cooperativa Nuova Siloe la cui referente è Maja Polignano (cell. +39 320 0419406) insieme a Commedia Srl e all’associazione Manigold in collaborazione con i partner Noi Salento, Orientaventi, Parrocchia Chiesa Greca e il Comune di Lecce. L’iniziativa è presente anche su Facebook, all’indirizzo www.facebook.com/LArca-dei-Giovani.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleVeglie, macabra scoperta all’ingresso del paese
Next articleXylella fastidiosa, un incontro a Roma in Commissione Agricoltura a Palazzo Madama