Il mare si lascia attraversare. Letteratura Albanese e letteratura migrante a 25 anni dall’esodo.

0
276

25 anni fa, l’esodo albanese sulle coste Adriatiche fece conoscere alla Puglia e al Salento chi viveva al di là del mare, che si lasciava alle spalle povertà e dittatura e si proiettava – con un carico di speranze che presto sarebbero state deluse – verso una nuova vita in quell’Italia, che, vista dall’Albania attraverso la lente deformante dei varietà delle tv private, pareva il paese di Bengodi. Ma c’è un aspetto di quell’esodo che è stato poco evidenziato: sulle navi stracariche di umanità arrivarono anche scrittori e poeti albanesi, che contribuirono in maniera determinante a far conoscere la vivacità e l’originalità della letteratura del paese delle Aquile.

15211687 10211603354589789 658860539 n

 A un quarto di secolo da allora, Lecce ospita, venerdì 25 novembre, un seminario internazionale sulla letteratura albanese e sulla letteratura migrante in lingua ital iana, intitolato “Il mare si lascia attraversare”, diviso in due sessioni: quella mattutina si svolgerà, dalle 10 alle 13, nella sala “Mino Carbone” della   Libreria Adriatica e sarà incentrata

su “La letteratura albanese tra contemporaneità, tradizione e internazionalizzazione”, mentre quella pomeridiana è prevista, dalle 14.30 alle 17, nell’Aula Ferrari del Plesso Codacci-Pisanelli dell’Università del Salento, dove la discussione verterà su “ L’importanza della traduzione per la letteratura Albanese. Esperienze di scrittori migranti e scrittori tradotti all’estero. Questo seminario si inserisce nel solco della riflessione avviata con il Convegno internazionale “Kujtesa identiteti dhe integrimi – Letteratura albanese migrante in lingua italiana”, che si è svolto a Tirana nel gennaio del 2014, e proseguita, poi, al Salone del Libro di Torino di quest’anno con una serie incontri sulla letteratura albanese contemporanea e sulla sua promozione in Italia, tenuti nello Spazio Babel – Libreria internazionale.L’importanza della traduzione per la letteratura albanese. Esperienze di scrittori migranti e scrittori tradotti all’estero”.

Con questo ulteriore approfondimento a Lecce, promosso, peraltro, nell’ambito della tre giorni della Città del Libro di Campi Salentina, si intende riflettere sul panorama della nuova letteratura albanese contemporanea per individuarne tratti distintivi e caratteristiche e, soprattutto, per provare a definire una strategia di promozione della stessa attraverso il sostegno alle traduzioni e alle pubblicazioni in Italia. Un impegno che veda coinvolti Università, centri culturali, critici, traduttori ed editori nella consapevolezza che, nonostante le intense e consolidate relazioni di amicizia tra Italia e Albania, sempre sottolineate dalle istituzioni italiane, c’è una scarsa attenzione verso la promozione culturale della letteratura di questo paese.

Il seminario di Lecce, quindi, si propone come un momento di confronto per interrogarsi sui nuovi scenari della letteratura albanese e avviare, di intesa con il Ministero della Cultura del paese balcanico, un percorso che, attraverso la partecipazione a fiere letterarie, eventi dedicati o altre occasioni promozionali, favorisca una maggiore conoscenza della cultura albanese in Italia.

Preziosa a questo scopo la partecipazione di scrittori di punta del panorama letterario albanese, come Gezim Hajdari, che si è classificato secondo all’ultimo Premio Bodini nella sezione dedicata alla poesia, Diana Çuli, ma anche Parid Teferici, Lazer Stani, Prec Zogaj, Ismete Selmanaj Leba, Arben Dedja, che porteranno la loro testimonianza.

Oltre a loro, il parterre dei relatori prevede Paolo Ponzio, vice presidente del Teatro Pubblico Pugliese, gli editori Livio Muci di Besa e Arben Xoxa di Enciklopedike, Natale Parisi del Centro pugliese per le relazioni 

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous article“Quando Bacco incontra Venere”: venerdì 25 novembre, a Campi S.na, dialoghi e letture sul connubio tra la donna e il vino
Next articleParte la Sagra del Negroamaro a Cellino S. Marco. Vino, tradizione e arte in un unico evento