10 Febbraio: per non dimenticare l’orrore delle “foibe”

0
692

I morti non hanno colore e bisogna ricordare per non diventare complici del passato. Si parla tanto di olocausto ed è giusto che sia così, però bisogna rammentare sempre e comunque il dramma delle foibe e dell’esodo forzato degli italiani residenti in Istria e Dalmazia.  È commemorato solo da pochi anni, alla data del 10 febbraio, con il “Giorno del ricordo”

Tra il 1943 e il 1945, i militari del regime comunista di Tito, obbligarono circa quattrocento mila italiani ad abbandonare le loro case, gettandoli nelle cavità naturali del Carso, profonde, anche, duecento metri. Il bilancio non è stato mai preciso e tra chi morì in fondo “all’orrore” e quelli che furono trucidati dallo stesso regime, nei campi di concentramento, si arriverebbe anche a seimila persone.  

Oggi si celebra “il ricordo” di questo male. A pochi giorni dalla giornata della memoria, e secondo noi, i due eventi dovrebbero essere uniti. La memoria deve essere unica, senza colore, in rispetto di chi è morto solamente per la follia umana che ha scritto in quei modi le pagine più brutte della storia.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleParte l’avventura Viareggio per la forte Berretti del Lecce
Next articleLa forza dell’amore