Veglie, il comandante dei Vigili Urbani, Massimiliano Leo, replica alla signora Carmela

0
2735

M. LeoNovoli (Le) – Venerdì 9 maggio, dopo che la nostra attenzione è stata “rapita” da una singolare “ostensione” di lenzuola su un balcone a Veglie, abbiamo incontrato ed ascoltato la signora Carmela, pubblicando, poco dopo, l’articolo dal titolo “Veglie, l’ira di Carmela tra carte e lenzuola” .

Oggi, ci è stata recapitata in Redazione la replica del Comandante dei Vigili Urbani di Veglie, il Cap. dott. Massimiliano Leo, che noi doverosamente ed integralmente pubblichiamo qui di seguito. 

“Dopo avere letto l’articolo pubblicato sul Vs. sito (Veglie, l’ira di Carmela “tra carte e lenzuola”) sento il dovere di precisare la mia posizione, nell’ottica del doveroso contraddittorio, che rappresenta non solo un imprescindibile strumento di accertamento dei fatti, ma è la necessaria condizione affinché le tesi contrapposte “abbiano a che fare” con la verità e non certo con una limitata versione  “di parte”.

Sono stato costretto a presentare due querele contro la sig.ra M.C., che oramai da anni “alza il tono della voce”, ponendo in essere singolari condotte con esposizione di pubblici striscioni contro funzionari e dipendenti comunali; pertanto, sarà la magistratura ad accertare fatti e responsabilità.

L’unica cosa che posso dire è che sono sempre stato disponibile con la Sig.ra M.C., anche intervenendo –proprio su preghiera della stessa- presso una mia dipendente per farle ritirare una querela presentata contro la Signora, pure evitando nel giugno 2013 di denunciare la stessa per un altro striscione con cui mi ha esposto ingiustamente a “pubblico insulto” nella festa patronale.

Se poi qualcuno viola le norme del C.d.S. è giusto che venga sanzionato, poiché non ha rispettato le norme di legge imposte dagli organi legislativi eletti dai consociati: questa è la regola generale posta a base della convivenza sociale.

Molte volte la verità – che risiede nel fondo della coscienza di ognuno- è proprio l’opposto di quella che qualcuno vuol far apparire, anche con degli “striscioni pacchiani e di cattivo gusto”.

{loadposition addthis}

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLa voce degli Angeli: quinta edizione del festival
Next articleArriva Salento Cantestate 2014