Estorsione tra parcheggiatori abusivi che si dividevano il territorio. Due arresti della polizia di stato.

0
886

arrestatiLecce – Nella tarda serata di ieri, una volante è intervenuta in Piazza O. Massari in seguito ad una segnalazione di rissa tra cittadini stranieri. La volante, giunta sul posto, ha fermato e portato in questura il 22enne FOFAMA Karim e il 32enne GUEYE Chelikh Modou, entrambi nati Senegal, senza fissa dimora e già noti alle Forze dell’ordine, per chiarire la loro posizione riguardo la rissa.

Più tardi, intorno la mezzanotte, un’altra volante si è recata al locale Pronto Soccorso per accertarsi delle condizioni di salute di due stranieri, un marocchino trentanovenne e un tunisino ventisettenne, trasportati poco prima in ospedale da un’ambulanza per le diverse ferite riportate nel momento della rissa. Il marocchino, durante le successive indagini, ha riferito di trovarsi a Lecce da circa 15 giorni in cerca di un lavoro. Non avendo avuto alcuna possibilità lavorativa, si era collocato nei pressi della locale stazione ferroviaria per fare il parcheggiatore abusivo, dormendo all’interno della stazione e trovando ristoro presso la Caritas.

Verso le 23.00 di ieri, mentre svolgeva la sua attività di parcheggiatore abusivo in P.za O. Massari, all’improvviso, ha visto avvicinarsi sei senegalesi; uno di questi, chiamato “BASE”, che ogni giorno è solito sostare in via Duca degli Abruzzi, gli ha chiesto con prepotenza di dargli 5 euro. Al suo rifiuto gli ha sferrato un violento schiaffone, intimandogli di andare via da quel posto perché la zona era sua. Successivamente, anche gli altri cinque suoi amici hanno iniziato a picchiarlo violentemente con schiaffi e pugni, dicendogli le stesse parole del Base: ”dacci i soldi che hai guadagnato oggi” e “poi devi andare via di qui, questa è la nostra piazza”.{gallery}Gallerie/liteparcheggiatori{/gallery} 

In particolare due di questi stranieri, mentre gli altri quattro desistevano, continuavano a urlargli contro: “dacci i soldi che hai in tasca” ed imperterriti hanno continuato a prenderlo a pugni, quello più alto poi ha preso un grosso sasso e gliel’ha scagliato contro. Fortunatamente l’aggredito è riuscito a schivare il colpo. In quel frangente è giunto in aiuto del malcapitato un suo amico tunisino, anch’egli parcheggiatore abusivo, che si trovava a poca distanza e, nel tentativo di difenderlo, è stato a sua volta aggredito con pugni e schiaffi. In particolare, sempre il Base ha preso una grossa pietra scagliandogliela contro e colpendolo alla gamba ed al piede. Di seguito tutti e sei i senegalesi hanno ripreso a picchiare i due fino a quando sono arrivate due volanti della Polizia. Solo a quel punto gli aggressori sono fuggiti via, facendo perdere le tracce.

Durante la loro fuga gli Agenti hanno bloccato e fatto salire nella loro auto di servizio due degli aggressori.

Il personale del 118 ha trasportato i due feriti al pronto soccorso, dal quale uno è stato dimesso con prognosi di gg.7, mentre l’altro, quello che aveva ricevuto la pietra sulla gamba, è stato trattenuto sotto osservazione per ulteriori accertamenti.

Alla luce di quanto accaduto FOFAMA Karim e GUEYE Chelikh Modou sono stato arrestati per estorsione aggravata e lesioni personali in concorso con altre quattro persone al momento rimaste sconosciute.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLa maledizione di Toledo, arriva in libreria l’ultimo romanzo di Giuseppe Pascali
Next article‘Un caffè in ghiaccio con latte di mandorla’ all’Itis E. Fermi di Francavilla Fontana. La scrittrice salentina Valentina Perrone racconta l’universo femminile agli studenti brindisini