Novoli, grandi e piccini in compagnia di Babbo Natale

0
625

Babbo NataleNovoli (Le) – “Eccolo, mamma c’è Babbo Natale”, sulle note dolcissime di tante vocine che richiamavano all’attenzione i genitori, tutti insieme con il naso all’insù a guardare “il vecchio” calarsi dal Campanile della Chiesa Madre di Novoli.

Un pomeriggio all’insegna della spensieratezza in cui i più grandi (chi ancora non lo sapeva) hanno chiesto chi fosse quell’uomo spericolato vestito di rosso e i più piccini hanno sognato specchiandosi nella magia del Natale che porteranno con loro per sempre.

Foto, caramelle e sorrisi, prima di raggiungere i locali dell’ex mercato coperto a bordo di una carrozzella trainata da un pony addobbato come fosse un alce, e i bimbi a correre felici di vederlo da vicino e sentirlo, sperando che quelle letterine scritte nei mesi scorsi venissero lette e i desideri esauditi.

Complimenti all’Associazione Rione Stazione di Novoli che ha saputo ancora una volta creare quel movimento che specie per i più piccoli è importantissimo. Infatti con questa bellissima iniziativa hanno regalato un sorriso a tutti i partecipanti. E, nella baraonda di voci, di mani e di canti, una volta all’interno del locale, Babbo Natale ha iniziato a leggere le letterine sotto gli sguardi attenti delle piccole pesti. Il pomeriggio è stato allietato anche dai canti natalizi dei bambini delle scuole elementari.

{gallery}Gallerie/lapostadibabbonatale{/gallery}

Un esempio, quello novolese, di come l’associazionismo possa sempre essere determinante per aggregare e riaggregare le persone che ormai sembrano vivere dietro lo schermo di un Pc e, se a fare da filo conduttore, è il più affascinante e più antico strumento di comunicazione, cioè la lettera (in questo caso letterina), è ancora più bello sorridere guardando negli occhi tante piccole pesti che sognano…

Ci raccomandiamo di non dire mai a quei bambini che Babbo Natale non esiste, perché loro lo hanno visto e sanno che c’è e ci sarà sempre.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleGiuseppe Pascali, ne “Il sigillo del marchese” la fragilità di un uomo.
Next articleVideopoker: la legge che non soddisfa Regioni e Comuni. Il sindaco di Trepuzzi: “Un paradosso”.